Tangenti sulle protesi dentali: 5 arresti

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 31 mag. (askanews) - Un giro di tangenti nella fornitura di protesi dentali. Ruota attorno a questo impianto accusatorio l'operazione della Guardia di Finanza di Milano che ha portato a 5 arresti: due medici, un imprenditore e due suoi collaboratori. I reati contestati nell'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip di Milano sono associazione a delinquere e corruzione.

Sono in tutto 12 gli indagati nell'inchiesta milanese diretta dal pm Paolo Storari. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, il "sistema" di tangenti sarebbe partito "già dagli anni '90 nell'ambito della produzione e distribuzione di manufatti odontoprotesici". Nel mirino degli investigatori è finita la Wisil Latoor, azienda milanese leader nel settore dell'odontotecnica che avrebbe ottenuto contratti di fornitura grazie alla "compiacenza di medici operanti presso molteplici Aziende Ospedaliere pubbliche lombarde".

Sarebbero stati il proprio legale rappresentante della società e alcuni suoi fidati collaboratori e dipendenti ad intrattenere "accordi corruttivi con odontoiatri in servizio presso ambulatori pubblici i quali avrebbero prescritto protesi, accessori e manufatti ortodontici anche in eccesso e non necessari, maggiorando così i correlati prezzi poi direttamente pagati dall'inconsapevole paziente".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli