Tanta richiesta di sinistra. "Come lo vedete Soumahoro segretario Pd?"

Giuseppe Alberto Falci
Soumahoro

BOLOGNA - Passano centoventi giri di orologio prima di sentire un applauso da stadio. La sala Convegni Fico, che ospita la kermesse bolognese del Pd e contiene oltre due mila persone, esplode quando Aboubakar Soumahoro, sindacalista dell’Usb che lotta contro il caporalato e autore di un libello dal titolo “Umanità in rivolta” (Feltrinelli), scolpisce un concetto che sarebbe dovuto essere uno dei cardini del patto di governo con i 5 stelle: “La cancellazione dei decreti sicurezza è una questione di civiltà”, si sgola dal palco. Boom. Le corde vocali dell’italo-ivoriano Aboubakar non si placano nonostante sia travolto da questo fiume di esultanza. Un attimo dopo, il sindacalista tocca un altro nervo del governo giallorosso: “A proposito di Ilva, salute e diritto del lavoro non possono essere in contrapposizione”.

Fin lì nessuno aveva osato pronunciare la parola “llva”, un tabù che sabato era affrontato dal solo vicesegretario dem Andrea Orlando. Succede allora che appena Soumahoro scende dal palco si leva un applauso impressionante. “Sei stato bravissimo”, lo accolgono i ministri sono seduti nelle prime file di questa plenaria del Pd che conclude la tre giorni di “Tutta un’altra storia”, evento organizzato da Gianni Cuperlo. Mentre si scaldano gli animi e i cuori dei partecipanti, forse non più abituati a sentire quei concetti di sinistra, Aboubakar si alza e si dirige verso l’esterno della sala. Cinquanta passi nei quali viene travolto dai militanti che lo fermano per stringergli la mano, per fargli i complimenti, insomma per comunicargli che la platea gradirebbe che quei concetti siano parte del dna di un partito, figlio della tradizione di sinistra, ma che soprattutto diventino punti fondanti del programma del governo Conte 2.

“Come lo vedi Aboubakar segretario?”, si domanda il giovane Riccardo, millennial dell’Università di Palermo, giunto nel capoluogo emiliano dalla lontana la Sicilia. “La mia non è una boutade,...

Continua a leggere su HuffPost