Taormina, arrestatato noto avvocato: peculato e corruzione -2-

Red/Voz

Roma, 15 nov. (askanews) - L'attività investigativa trae origine dall'analisi di dati ed elementi acquisiti dalle Fiamme Gialle taorminesi nell'ambito di una verifica fiscale nei confronti del citato professionista ed ha evidenziato come l'ex dirigente comunale, in cambio di denaro e di altre utilità, del valore pari a circa 26.000 euro, individuate attraverso accertamenti patrimoniali, si fosse totalmente sottomesso all'avvocato.

In sede di perquisizione, peraltro, presso l'abitazione dell'ex dirigente comunale, è stato rinvenuto e sequestrato un "pizzino", rappresentativo della giustificazione concordata tra gli attori per creare una giustificazione - ovviamente solo apparente - alla tangente ricevuta.

Più in particolare, il legale, grazie alla complicità del predetto responsabile dell'ufficio idrico, che pertanto ometteva la prevista attività di controllo, giungendo anche ad inserire nel sistema informatico comunale "AcqueWin" - da qui il nome dell'operazione - dati falsificati, negoziava direttamente sul suo conto corrente personale gli assegni degli utenti morosi (comportamento definito dallo stesso giudice come "inquietante"), ovvero si faceva pagare "in contanti", a fronte di uno sconto all'utente, nell'ottica di non lasciare traccia degli importi ricevuti.(Segue)