Taormina, arrestatato noto avvocato: peculato e corruzione -3-

Red/Voz

Roma, 15 nov. (askanews) - La cosa ancora più grave, tuttavia, appare come tale strutturata ed indisturbata attività di sistematica appropriazione di denaro pubblico risultasse nota a molti impiegati della macchina comunale della Perla dello Jonio, come emerge dal contenuto delle intercettazioni, ma purtroppo, come spesso le cronache giudiziarie registrano, l'omertà e la connivenza dei pubblici dipendenti divenivano il volano del perpetrarsi, nel tempo, delle condotte illecite.

Secondo ipotesi d'accusa, proprio il connubio criminale oggi disvelato consentiva al legale di riuscire a mantenere l'incarico, sin dal lontano 1995, nonostante i vari avvicendamenti delle amministrazioni comunali, continuando, in tal modo, a perseverare in maniera indisturbata nella sua azione criminogena.

In sintesi, considerato il valore probatorio degli elementi raccolti nel corso dell'attività d'indagine, rilevato il rischio di reiterazione delittuosa da parte degli indagati, l'Autorità Giudiziaria peloritana ha disposto la misura degli arresti domiciliari nei confronti dell'avvocato F.L.F., cl. 59, e del divieto di dimora nel Comune di Taormina (ME) nei confronti dell'ex dirigente comunale G.C., cl. 52, in pensione dal 31 dicembre scorso, prevedendo, altresì, il sequestro per equivalente delle somme costituenti il profitto di peculato ed il prezzo della corruzione, per un importo complessivo pari a 817.000 euro.(Segue)