Taormina: verso una giornata internazionale vittime civili delle guerre e conflitti nel mondo (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Su questa proposta, nata all’interno dell’ANVCG, è intervenuto l’Amb. Umberto Vattani, che ha generosamente accettato l’invito dell’associazione di costituire e presiedere un Comitato Promotore per raggiungere l’ambizioso traguardo. L’Amb. Vattani, diplomatico di lungo corso, per due volte segretario generale della Farnesina, ha sottolineato la ferma convinzione che solo replicando quanto fatto in Italia con l’istituzione di una Giornata nazionale si può indurre la comunità internazionale ad agire. La pandemia non ha fermato i lavori dell’ANVCG e del Comitato Promotore, che sono proseguiti con vari incontri al fine di sensibilizzare i rappresentanti delle istituzioni italiane sul tema, ma anche parlamentari e istituzioni europei.

L’Amb. dell’Azerbaigian in Italia Mammad Ahmadzada, presente alla conferenza stampa e tra i relatori della tavola rotonda che si terrà a Taormina, ha ricordato l’alto e importante valore della pace affinchè i popoli possano dialogare e vivere nella sicurezza e nella stabilità sociale ed economica, partendo dalla sua esperienza personale e dalla situazione di conflitto che il suo paese ha vissuto negli ultimi decenni.

La conferenza stampa si è chiusa con la presentazione del concerto che seguirà la tavola rotonda del 28 luglio presso il Teatro Antico di Taormina, con inizio alle 21:30, organizzato in collaborazione con la Fondazione Taormina Arte Sicilia, l’Associazione Musicale e Culturale “Aldebaran”, l’Associazione Musicale “Almoetia”. A tal riguardo è stato proiettato il servizio andato in onda sul TG3 del corrispondente RAI da Gerusalemme Raffaele Genah sulla storia del pianista Mohammad Alshaikh, un giovane talento palestinese, oggi diciottenne, formato da un’insegnante ebrea presso l’istituto musicale “Magnificat” di Gerusalemme, fondato e gestito dai Francescani della Custodia di Terrasanta; è stato sottolineato il valore esemplare di questa vicenda umana, che dimostra come la cultura del dialogo fra i popoli e il linguaggio universale della musica possano portare un messaggio di pace e di speranza, anche in una situazione di estrema complessità come quella del Medio Oriente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli