Tartarughe caretta caretta a Jesolo

·1 minuto per la lettura

A Jesolo, nel Veneto, mercoledì sono nate 9 tartarughe caretta caretta. È la prima volta che la schiusa avviene in una spiaggia così a nord, colpa probabilmente del riscaldamento globale. L'eccezionale evento è stato seguito dai ricercatori dell'Università di Padova e dell'Arpav (Agenzia regionale per la prevenzione e protezione ambientale del Veneto) allertati 2 mesi fa da un turista che aveva notato un'ottantina di uova nella spiaggia affollata. Per proteggere il nido è stata istallata una barriera di protezione così da impedire ai bagnanti di avvicinarsi troppo.

Le 9 tartarughe sono le prime uscite dalle 82 uova, per cui il lavoro dei ricercatori e volontari continua. Gli studiosi hanno pesato e misurato gli animali prima che andassero verso il mare, un momento "fondamentale per la specie, perché serve a memorizzare per sempre dove si trova la spiaggia della schiusa, permettendo alle femmine di tornare a deporre le uova dove sono nate" spiega Diego Cattarossi, direttore scientifico del parco zoologico Tropicarium Park di Jesolo al Mattino di Padova.

Le tartarughine pesavano tra i 12 e i 14 grammi e il loro carapace era lungo circa 5 centimetri.

Per facilitare il loro ingresso in mare è stato creato un corridoio di sabbia e sono stati spenti i lampioni sul tratto di lungomare vicino per evitare di disorientare i piccoli.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli