Tav, Cento (Leu): Governo sostenga richiesta grazia per Dosio

Pol/Luc

Roma, 2 gen. (askanews) - "Dopo le parole ora i fatti. L'arresto di Nicoletta Dosio divenuta simbolo che va ben oltre la lotta del movimento No Tav apra finalmente una discussione pubblica sull'uso sempre più massiccio del codice penale e delle leggi speciali come i decreti Salvini per ridurre gli spazi di democrazia e lotta politica". Lo afferma Paolo Cento di Sinistra Italiana-Leu.

"Questa è una vicenda concreta e simbolica - prosegue l'esponente ambientalista di SI - che richiede una iniziativa forte a partire dal sostegno alla richiesta di grazia al Presidente della Repubblica".

"Il governo di cui la sinistra fa parte con un ruolo decisivo attraverso i parlamentari di Leu non può rimanere indifferente o neutrale. Lo stesso ministro della giustizia Bonafede - conclude Cento - compia tutti gli atti di propria competenza per rendere possibile la grazia per Nicoletta Dosio".