Pubblicata dal Ministero l'analisi costi-benefici che boccia il Tav Torino-Lione: "saldo negativo per 7-8 miliardi"

Huffington Post
Molti piu costi che benefici dalla realizzazione del Tav fra Torino e Lione,un saldo negativo per 7-8 miliardi di euro

Molti più costi che benefici dalla realizzazione del Tav fra Torino e Lione, un saldo negativo per 7-8 miliardi di euro. È stata pubblicata sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti l'analisi sull'opera che spacca la maggioranza all'interno del Governo, con i 5 stelle assolutamente contrari e la Lega favorevole. Un dossier firmato da 5 dei 6 componenti della commissione chiamata a stilarla: manca infatti la firma di Pier Luigi Coppola.


Nello scenario 'realistico' il valore attuale netto economico (Vane), ovvero il saldo tra i costi e i benefici, risulta pari rispettivamente a -6.995 milioni considerando i costi "a finire" (escludendo i soldi già spesi) e a -7.949 milioni qualora si faccia riferimento al costo intero.

Se non venisse realizzata la tratta Avigliana-Orbassano, limitando il progetto alla cosiddetta mini-Tav, il Valore attuale netto economico dell'investimento (Vane) con costi 'a finire' (escludendo i soldi già spesi) ammonterebbe a -6,138 miliardi e quello calcolato con riferimento al costo intero a -7 miliardi. In caso di mancata realizzazione della tratta i mancati benefici per i passeggeri regionali risulterebbero pari a 305 milioni.

Per l'analisi, "i benefici ambientali attesi sono, a livello nazionale e ancor più europeo, di entità quasi trascurabile". Vero che con la Tav le emissioni di C02 si ridurrebbero, ma obiettivi "ambiziosi" si otterrebbero "solo grazie all'innovazione tecnologica dei veicoli".

Lo scioglimento del progetto della Tav costerebbe al massimo, tra penali e rimborsi, 1,7 miliardi. E' il nuovo calcolo che è possibile fare dopo che il Mit ha corretto una delle voci - quella relativa allo scioglimento dei contratti in corso - indicata nella Relazione tecnico giuridica sulla Tav. L'analisi, pur non sbilanciandosi sugli eventuali esborsi, indica un massimo: di 400 milioni per lo stop ai contratti, di 81 milioni per violazione del dell'accordo, di 400 milioni per la rivalsa francese, di 535 e di 297...

Continua a leggere su HuffPost