Tav, M5s: banchetto apparecchiato per banche internazionali

Pol/Arc

Roma, 1 ago. (askanews) - "Se non bastasse l'evidenza empirica dell'inutilità dell'opera, pensata 30 anni fa e da realizzare forse tra 20 anni, se non bastassero gli studi che certificano il rischio di sperperare soldi italiani ed europei, se tutto ciò non fosse sufficiente basterebbe seguire i soldi, ovvero i colossali interessi economici e finanziari in gioco" .Lo dichiarano in una nota i componenti M5S della Commissione bilancio del Senato.

"C'è qualche forza politica che dice di non voler fare la cameriera di Macron, peccato però che sostenendo il Tav rischia di diventare direttamente maggiordomo del presidente francese, apparecchiando un banchetto per banche transalpine e internazionali. Diciamo - proseguono- le cose come stanno, una volta per tutte. Se si guarda alle società di costruzioni che stanno lavorando ai tunnel esplorativi, e che attendono i nuovi appalti, si scoprono realtà come Spie Batignolles ed Eiffage, partecipate da fondi di investimento di Bnp Paribas, Société Générale, Credit Agricole e dell'americana BlackRock. Poi c'è la società austriaca Strabag, nel cui azionariato ci sono i gruppi finanziari Uniqa, Raiffeisen e una finanziaria cipriota che fa capo al magnate russo Deripaska. Non c'è che dire, è proprio un'opera 'sovranista'! Noi del MoVimento 5 Stelle, sempre coerenti rispetto a chi invece ha cambiato idea mille volte sul Tav, continueremo a opporci all'opera".