Tav, Marin (Fi): Parlamento dirà sì, Toninelli si dimetta

Pol-Afe

Roma, 5 ago. (askanews) - "L'alta velocità Torino-Lione va fatta esattamente come la Brescia-Padova e più in generale come tutta la rete infrastrutturale italiana. Il nostro Paese infatti non può rimanere indietro e nemmeno essere tagliato fuori dalle grandi direttrici europee. Lo capisce anche un bambino. Solo il M5S sembra non capirlo. D'altronde i grillini alle ultime elezioni politiche hanno preso i voti di tutti quelli che urlavano No". Così, in una nota, il deputato di Forza Italia Marco Marin.

"Il M5S infatti - aggiunge - ha fatto promesse elettorali su molti no a partire dal lavoro e dalla salute dei nostri figli: No Tav e No Vax solo per ricordare due esempi che impattano fortemente sulla vita degli Italiani. A proposito dell'alta velocità Torino-Lione oggi il ministro Toninelli dice che un conto è il Parlamento e un'altra cosa è il governo. Toninelli finge cioè di non sapere che il governo si basa su una maggioranza parlamentare. Come se il si che diranno Camera e Senato sulla Tav non equivalesse alla sua più grande sconfitta come ministro. Libero di far finta di non vedere e rimanere al suo posto. Oppure con un sussulto di dignità può lasciare la poltrona ministeriale. Purtroppo per gli Italiani temo che terrà lo stesso comportamento che ha sulle infrastrutture e cioè non sbloccherà neanche la sua poltrona".