Tav, Napoli (Fi): Di Battista studi un po' di amministrazione

Bac

Roma, 30 lug. (askanews) - "Alessandro Di Battista invita i politici a smetterla di commentare ogni cosa e a proporre soluzioni. Così, per essere coerente con questa premessa, propone una soluzione al ministro dell'Interno: destini i soldi del Tav a migliorare dotazioni e condizioni economiche delle forze dell'ordine". Lo dichiara in una nota Osvaldo Napoli, del direttivo di Forza Italia alla Camera.

"Bella proposta, peccato che se il ministro dell'Interno la accettasse - aggiunge - incorrerebbe nel reato di peculato. Di Battista, non gliene faccio una colpa, non ha mai amministrato alcunché in vita sua, e allora ignora due questioni semplici e irrevocabili: i soldi del Tav, parlo dei finanziamenti europei, sono vincolati a quel progetto e non possono essere destinati ad altro; la quota a carico dell'Italia è iscritta a bilancio come "spesa per investimenti" e non può essere destinata a spesa corrente come sarebbe il miglioramento delle condizioni economiche delle forze dell'ordine. Un cambiamento nella destinazione d'uso di quelle risorse configurerebbe il reato di 'peculato'".

"Di Battista ha un grande presente come opinionista. Se vuole avere un futuro come amministratore si impegni, studi e provi ad amministrare qualcosa. Potrà scoprire le difficoltà e la bellezza della fatica che tocca ad ogni amministratore", conclude.