Tav, Paita (Pd): Toninelli revochi incarico a Ponti

Rea

Roma, 21 lug. (askanews) - "Marco Ponti, nominato dal ministro come esperto ideologico per non fare la Tav, ha ottenuto il risultato di contribuire a far finta che i cantieri siano fermi quando invece i bandi sono aperti. Ora si scaglia contro l'operazione Alitalia definendola decotta ( quasi in parallelo alle affermazioni di Di maio su Atlantia, quello su cui sta verificando su nostra sollecitazione, Consob ". Lo scrive in una nota Raffaella Paita parlamentare del Pd e capogruppo in commissione trasporti.

"Un consulente del Ministro che interviene a gamba tesa sulle scelte dello stesso ministro e che utilizza affermazioni che meriterebbero una seria verifica: 'C'è un doppio conflitto d'interesse'. Ma Toninelli, ormai un fantasma che si aggira nel ministero - continua la parlamentare dem - può consentire che i suoi consulenti si sostituiscano a lui in vicende così delicate? Qui in gioco non c'è solo la dignità di un Ministro ma la credibilità del Paese nelle scelte strategiche di tipo infrastrutturale e industriale. Se fossero due persone serie farebbero due gesti semplici e al tempo stesso chiari: Toninelli dovrebbe revocargli l'incarico di consulente oppure, ancor più dignitosamente, Ponti dovrebbe dimettersi", conclude Paita.