Tav, sì di Conte: per Di Maio è “un’opera dannosa”

tav sì conte

La Tav si farà, come giusto e come sempre chiesto dalla Lega. Peccato per il tempo perso, adesso di corsa a sbloccare i cantieri fermi. Con queste parole il Ministro Salvini aveva commentato la notizia del via libera di Conte all’alta velocità“. A fargli dal contraltare c’è però il collega Di Maio: “Nel corso del tempo si sono succeduti nove governi, sono passati quasi 30 anni. Parliamo di un’era ormai remota, eppure qualcuno, adesso vorrebbe farci credere che la priorità del Paese sia questa. Media, giornali, tutto il sistema a favore. Non noi. Non il Movimento 5 Stelle. Per noi la Torino-Lione resta un’opera dannosa“.

Tav, sì di Conte

Il sì del Presidente del Consiglio all’alta velocità ha sicuramente aperto un nuovo dibattito al Governo. La Tav è infatti, senza ombra di dubbio, uno dei temi che ha sempre diviso la maggioranza gialloverde e mai ci sono stati segnali di distensione in proposito. Il commento dei cinquestelle piemontesi alle parole di Conte è durissimo: “Un Governo di cui fa parte il Movimento 5 Stelle dà l’ok alla Tav? Inaccettabile” esordisce la consigliera regionale Francesca Frediani. “Il #tuttiacasa stavolta sarebbe per voi” è invece il gelido commento di Alberto Airola, il quale si dice affranto. “Una battaglia che facciamo da anni, non deve finire così. Ora stiamo a vedere come proseguono le cose, ma di fatto dal discorso di Conte il Tav si farà. Non avete idea di quante mail gli ho scritto dopo averlo incontrato e spigato che potevamo sospendere tutto”.

Durissimi i No Tav: “Pensavate che stavolta al Governo l’avrebbero fermato? Scherzetto. Ve l’avevamo detto che non abbiamo governi amici“.

“Un sì che aspettavamo”

C’è grande soddisfazione nelle parole di Alberto Cirio, presidente della Regione Piemonte: “Finalmente dal Premier Conte parole chiare e di apertura verso la Tav che confermano la posizione che la regione ha da sempre sull’opera. Queste erano le dichiarazioni che attendevamo da tempo. Ora si proceda con la formalizzazione all’Europa di questa posizione e si vada avanti con i cantieri. Il Piemonte non può più aspettare”. Poco convinto è risultato essere il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, che ha twittato: “Ora Conte annuncia che il Governo è per il sì alla Tav. Nella migliore delle ipotesi abbiamo perso più di un anno. Nella peggiore, un altro giro di valzer che non porterà a nulla. Povera Italia”.