Tav, vertice notturno M5s: “Nessuna giravolta. Restiamo no Tav”

vertice notturno m5s

Giuseppe Conte ha invertito la rotta sulla Tav e il Movimento 5 stelle si trova ora spaesato. Dopo un breve confronto con il leader Luigi Di Maio, i grillini si sono incontrati in un vertice notturno vicino al Parlamento. Presenti in aula i capigruppo di Camera e Senato, Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli; Paola Taverna, Stefano Buffagni, Riccardo Fraccaro e Pietro Dettori. Assente, invece, il vicepremier 5 stelle. Il Movimento mantiene la sua linea No Tav, ma al suo interno è spaccato.

Tav, vertice notturno per M5s

Il vertice notturno sulla Tav svolto dal Movimento 5 stelle è avvenuto in seguito alle dichiarazioni di Giuseppe Conte. Il presidente del Consiglio, infatti, aveva annunciato che “La tav si farà” in quanto “non farla costerebbe più che continuarla. Solo il Parlamento può bloccarla”. Un cambio di rotta, quindi, che getta nel caos il Movimento di Luigi Di Maio. Tuttavia, al termine dell’incontro, il sottosegretario Buffagni ha dichiarato: “Il parlamento è sovrano”. Gli fanno eco, inoltre, il ministro Fraccaro e la senatrice Taverna che specificano: “Non abbiamo fatto nessuna giravolta. Vedremo come andrà la votazione in aula”. Tutto il movimento presente in aula si è dimostrato in linea con le idee passate: i grillini, infatti, restano No Tav. ma questo non basterà. Il Movimento 5 stelle non ha la maggioranza in Parlamento e per questo motivo non sarà in grado di bloccare l’opera. Con il cambio di rotta del premier, infine, il fronte del sì diviene compatto. Partito Democratico, Forza Italia e ora anche il governo (grillini esclusi) sono a favore.