Web tax: dopo Parigi, Roma nel mirino degli Usa

Angela Mauro
President Donald Trump meets French President Emmanuel Macron at Winfield House, Tuesday, Dec. 3, 2019, in London. (AP Photo/ Evan Vucci)
President Donald Trump meets French President Emmanuel Macron at Winfield House, Tuesday, Dec. 3, 2019, in London. (AP Photo/ Evan Vucci)

Dopo la Francia, è la volta di Italia e Gran Bretagna. C’è il nostro paese insieme al Regno Unito nel mirino degli Stati Uniti per aver ‘osato’ introdurre la ‘web tax’ per i giganti del web ‘made in Usa’ eppur globali: Google, Facebook, Alphabet. La minaccia di dazi in ritorsione per la digital tax - in vigore in Italia dal primo gennaio - arriva dal segretario al Tesoro Usa Steven Mnuchin, in un’intervista al Wall Street Journal. Minacce di guerra commerciale che piombano al forum economico riunito a Davos e all’Ecofin, il vertice dei ministri delle Finanze dell’Ue riunito a Bruxelles anche per parlare di web tax, in vista della riunione all’Ocse il 29 gennaio prossimo.

E’ la nuova puntata della sfida tra Europa e Stati Uniti sulla tassazione digitale, dopo che la Francia ha accettato di rinviare l’applicazione dell’imposta a fronte delle minacce degli Usa: nessun prelievo nel 2020, per non rischiare dazi del 100 per cento sui vini francesi. “Non è che non mi piacciono” i vini francesi, provoca Donald Trump in un’intervista al Wall Street Journal oggi da Davos. Ma, aggiunge, “se c’è qualcuno che deve tassare queste società sono gli Stati Uniti”.

Riflettori puntati sull’incontro di domani a Davos tra Mnuchin e il ministro francese Bruno Le Maire. “E’ l’inizio della soluzione”, dice Mnuchin. “Il presidente Macron e il presidente Trump hanno avuto una discussione molto costruttiva domenica sera e hanno concordato di evitare ogni escalation tra Stati Uniti e Francia sulla tassazione digitale”, dice Le Maire al suo arrivo all’Ecofin.

Il confronto franco-statunitense farà evidentemente da pilota per individuare una strada anche a livello europeo. Il ministro italiano Roberto Gualtieri non commenta le minacce americane. Dopo la riunione dell’Ecofin, lascia Bruxelles di ritorno a Roma senza dichiarazioni.

In Italia la web tax è in vigore dal primo gennaio, ma non dovrà essere versata prima del 2021. Al...

Continua a leggere su HuffPost