Teatro della tragedia su cui farà luce la magistratura un’azienda di lavorazione degli oli minerali

·1 minuto per la lettura
Ennesimo incidente sul lavoro: un morto nel Genovese
Ennesimo incidente sul lavoro: un morto nel Genovese

Incidente sul lavoro a Genova dove nell’area di un magazzino di stoccaggio si rompe la cinghia di una gru ed un operaio di 48 anni rimane schiacciato dai tubi precipitati al suolo: l’ennesima morte bianca su cui farà luce la magistratura è avvenuta nella mattinata di oggi, 10 novembre, in un’azienda di lavorazione degli oli minerali di San Quirico in Val Polcevera.

Incidente sul lavoro a Genova: 48enne schiacciato dai tubi non trattenuti da una cinghia

Secondo una prima ricostruzione dei fatti la vittima era in transito proprio sotto la gru quando la cinghia ha ceduto e i tubi si sono staccati. Il personale medico del 118 allertato dagli inorriditi colleghi del 48enne è arrivato a razzo ma i soccorsi sono stati inutili. Pare che al momento del distacco la gru fosse in azione per movimentare i tubi da un punto all’altro dello stabilimento.

Carabinieri ed Asl in azione sul luogo dell’incidente sul lavoro a Genova con un operaio morto shciacciato

La dinamica dell’accaduto è diventata appannaggio dei carabinieri e dei tecnici dell’ispettorato del lavoro dell’Asl di riferimento. L’area è stata dapprima messa in sicurezza da una squadra dei Vigili del Fuoco parimenti allertata, poi messa sotto sequestro.

Genova, sequestrata l’area dell’incidente sul lavoro in cui è rimasto schiacciato un operaio

Da questo punto di vista il magistrato di turno deve effettuare accertamenti tecnici immediati ed irripetibili per fissare lo scenario dal quale eventualmente far discendere l’esercizio dell’azione penale nei confronti di soggetti terzi. Il conduttore della gru è stato intanto assunto a sommarie informazioni testimoniali.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli