Teatro: 'Incontro-Verso', dieci attori in residenza artistica in pandemia per raccontare migrazioni (3)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – E se è vero che il teatro è emozione, ne sono giunte a cascata sugli allievi, che hanno appena concluso una serie di incontri con superstiti di naufragi avvenuti nel Mar Mediterraneo (dalla costa africana del Mediterraneo in questi anni hanno tentato l’attraversamento del mare in centinaia di migliaia, spesso con esiti tragici, come è accaduto il 21 aprile scorso), giornalisti di confine impegnati a raccontare i fatti nascosti tra le pieghe della mera cronaca, soccorritori, volontari e politici: da Roberto Rapisarda, già comandante dei Carabinieri di Lampedusa e soccorritore, al giornalista Elio Desiderio, da Mario Zito, assessore alle Culture del Comune di Palermo, a Tareke Brhane, presidente del Comitato 3 Ottobre, dal musicista Chris Obehi, superstite di un naufragio, a Lamin, giovane migrante arrivato da solo su un barcone a 14 anni. Ciò ha consentito agli attori di accogliere nuove storie e confrontarsi con diversi punti di vista, elementi utili ad ogni attore per sviluppare personali e originali tecniche narrative.

Il progetto si avvale del sostegno del Ministero dei Beni e Attività Culturali e della Siae nell’ambito del programma “Per chi Crea” patrocinato dal Consiglio d’Europa, dell’Assemblea Regionale Siciliana e dei Comuni di Palermo e di Lampedusa.