Teatro, “Lavoratorio”: il progetto ponte tra formazione e lavoro

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 7 ott. (askanews) - "Briciole - Il futuro non è più quello di una volta" (regia e drammaturgia collettiva), saggio di Diploma della terza classe a.a. 20-21 nato in seno al progetto "Lavoratorio", va in scena sabato 9 ottobre alle 21 al Teatro Biblioteca Quarticciolo.

Lavoratorio è il progetto sperimentale che nasce con l'obiettivo di creare un ponte tra la formazione accademica e il mercato del lavoro, attraverso la formazione di una Compagnia Teatrale e della costruzione partecipata di un progetto di spettacolo.

Fondata nel 1997 a Roma, l'Accademia di Arte drammatica Cassiopea, si occupa da 25 anni della formazione di giovani talenti della scena teatrale.

L'attenzione che l'Accademia di Arte drammatica Cassiopea rivolge al futuro professionale dei propri allievi è alla base del progetto speciale Lavoratorio, un percorso di perfezionamento professionale, della durata di 9 mesi che ha coperto tutto l'arco del 2021, rivolto a studenti e studentesse che si apprestano a concludere il triennio formativo e ad affacciarsi al mondo del lavoro. Lavoratorio, titolo che rimanda per l'appunto a un'esperienza laboratoriale tutta proiettata verso i risvolti occupazionali del settore a seguito della formazione accademica, è un progetto ideato in sinergia con il nucleo artistico docente e coordinato da Simone Perinelli, insegnante di Tecniche della recitazione presso l'Accademia Cassiopea.

Cassiopea prende in prestito, trasformandola, la parola "Laboratorio" nella sua accezione grotowskiana, facendo riferimento all'idea del mestiere teatrale e di produzione artistica come pratica artigianale.

Lavoratorio mette al centro il processo creativo, in cui la materia viva dell'idea iniziale viene plasmata e adattata al tempo e allo spazio, in un luogo di creazione all'interno del quale la ricerca del saper fare dia luogo a un procedimento ripetibile e adattabile a progetti di spettacolo che possano circuitare in festival, concorsi, programmazioni di cartelloni teatrali.

Il progetto è stato strutturato in incontri distribuiti nel corso dell'anno accademico e tutorato da Simone Perinelli, coadiuvato da maestranze esterne chiamate ad intervenire in specifiche fasi del processo e dai docenti dell'Accademia tra cui: Francesca Macrì per la scrittura scenica e la direzione dell'attore, Andrea Pocosgnich per il confronto critico, Giorgio Andriani e Antonino Pirillo per l'organizzazione e la promozione, Letizia Palmirotta per il trucco, Laura Giannisi e Gianluca Amodio per costumistica e scenografia.

Il LAVORATORIO è stato strutturato in due fasi. I primi incontri hanno avuto lo scopo di individuare il tema portante dello spettacolo, nonché di attribuire compiti e ruoli che rispecchiassero le competenze e le attitudini personali dei componenti.

In un secondo momento il gruppo ha messo in moto il processo di realizzazione dello spettacolo abitandolo in tutte le sue fasi: l'indagine e la ricerca teorica intorno al tema - la scrittura del testo - la scrittura di scena - il progetto di regia - le prove - l'intervento dell'illuminotecnica e della scenotecnica - il trucco e il costume - la messa in scena.

Lo spettacolo costituisce materia del Saggio di Diploma ma non solo: i giovani diplomati si trovano con una produzione teatrale vera e propria da far circuitare, la partecipazione guidata ai più importanti bandi nazionali e un'esperienza più integrata nella tendenza contemporanea di autorialità dell'attore.

Finalità del progetto è stata dunque quella di consentire al gruppo di operare in piena autonomia, ma in un ambiente protetto, accompagnando gli allievi diplomandi verso un ingresso consapevole e competente nel mondo del lavoro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli