**Teatro: Pingitore, 'racconto con ironia l'Italia del Covid, tra vaccini e virologi 'disoccupati'** (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Nello show non mancherà una sorta di girotondo fra tutti i personaggi con una sorta di vaudeville, di "catena di Sant'Antonio del sesso e dell'amore, dove c'è l'amante di uno che è a sua volta l'amante di un altro, e così via". Il celebre autore e regista racconta le emozioni del ritorno in scena: "Io sto bene e sono molto felice, ma anche tranquillo -racconta- perché è vero che da un anno non andiamo in scena, ma prima ne ho fatto cinquanta quindi sono abbastanza 'vaccinato', è proprio il caso di dirlo. Anche se l'emozione c'è sempre".

Soprattutto pensando a quanto tempo è passato dagli esordi, da quella prima sera in cui è partita la stellare carriera di Pingitore: "Quando nella cantina di via di Panico, nel lontano 1965 per la prima volta si spensero le luci, andarono in scena i primi sketck che avevamo scritto e alla prima risata ci sentimmo in Paradiso: capimmo che potevamo fare gli autori", è il ricordo del regista.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli