Tecnocasa, compravendita immobili non si ferma con virtual tour e piantine dinamiche

·11 minuto per la lettura
featured 1247442
featured 1247442

Roma, 17 mar. (Labitalia) – Virtual tour, piantine dinamiche e formazione on line. Questa la ricetta del gruppo Tecnocasa per continuare la sua attività in epoca Covid. "Per garantire una formazione continua, la scuola di formazione interna al gruppo Tecnocasa non si è mai fermata nemmeno durante il lockdown, permettendo a tutti i collaboratori delle agenzie di proseguire con i percorsi. Anche in questo delicato e non facile momento tutti i colleghi impegnati in questo importante comparto hanno fatto la differenza e in tempi brevissimi hanno riformulato i contenuti, progettati per un’erogazione tradizionale e in aula, affinché potessero essere erogati tramite webinar, consentendo agli affiliati e ai loro staff di impegnare fattivamente il tempo durante il lockdown e di proseguire poi il costante aggiornamento professionale". Lo dice in un'intervista all'Adnkronos/Labitalia Luigi Sada, amministratore delegato Tecnocasa franchising spa. "L'utilizzo della tecnologia – spiega – ci ha quindi permesso di proseguire il dialogo con la rete anche sul fronte della formazione, utile alla costante crescita professionale di tutti gli appartenenti al gruppo. Per dare un’idea delle attività di formazione svolte on-line, rileviamo attraverso la piattaforma del franchisor dati molto interessanti: per il periodo marzo-dicembre sono stati 1.056 gli eventi webinar erogati, con 78.818 partecipanti per un totale di 119.555 minuti, con una durata media ad evento di 115 minuti".

"Di certo – ammette – questo momento di incertezza e difficoltà ha messo a dura prova il nostro Paese. Tuttavia ha fatto anche comprendere le capacità e le forze che, come persone e come aziende, abbiamo per superarlo ed uscirne nel migliore dei modi. Sul comparto casa mi sento di dire che l’emergenza sanitaria ci ha permesso di prendere ancora più consapevolezza della sua importanza come bene primario e bene rifugio in tutti i sensi. Di conseguenza la centralità dell’immobile emerge ancora più prepotente, così come confermato anche dalle nostre analisi che mostrano la forte volontà di migliorare l’attuale situazione abitativa o valutare l’acquisto di una soluzione più vicina alle mutate e nuove esigenze che il lockdown ha scatenato". "Da qui – afferma Luigi Sada- la parallela centralità della figura dell'agente immobiliare, colui che agisce nel mercato: le agenzie, i nostri professionisti, sono coloro che sono direttamente coinvolti nel delicato processo di acquisto e vendita del bene casa, siamo quindi vicini e con le famiglie in tutte le fasi e, oggi più che mai, vogliamo supportarti al meglio visto le condizioni più critiche in cui versa l’economia e il Paese".

"Fermo restando – sostiene – la massima attenzione e focalizzazione su quello che è il metodo operativo, la preparazione e la formazione dei professionisti, il fornire tutti gli strumenti più utili e l’investire in tecnologie avanzate con una chiara ottica di innovazione e crescita, in questo particolare frangente abbiamo sviluppato ed accelerato ulteriori processi tesi al miglioramento dell’operatività e sostegno delle reti, che si sono tramutati in vantaggi concreti al cliente finale". "Come reti immobiliari – sottolinea – ci siamo adeguati sin da subito alle disposizioni governative chiudendo le agenzie affiliate al pubblico nel periodo del lockdown, pur rimanendo attive da remoto, e abbiamo messo in campo tutti gli strumenti utili a mantenere vivo il dialogo e assistere acquirenti e venditori che si affidano alle nostre reti. Obiettivo: la centralità del cliente attraverso il supporto delle reti in termini di ottimizzazione delle tecnologie digitali. Il nostro costante impegno orientato all’innovazione dei processi e dei servizi ci ha permesso di reagire con prontezza e agilità, accelerando ancora di più la digitalizzazione degli strumenti al fine di dare un vantaggio competitivo alle agenzie ed un servizio al cliente affidabile ed efficiente".

"In particolare – dice – aumentando le già cospicue attività previste per il 2020, abbiamo messo a disposizione degli affiliati un pacchetto pubblicitario omnicanale con strumenti collegati tra loro e che crossano l’uno con l’altro. L’advmediapack, realizzato da Tecnomedia (società di servizi del Gruppo), oltre ad avere strumenti omnicanali, fornisce tecnologie digitali per poter operare sia sul fronte delle compravendite sia lato locazioni. Oggi sul nostro portale e sui siti agenzia le agenzie possono pubblicare gli annunci oltre che con foto statiche, anche con virtual tour e piantine dinamiche per poter far visionare gli annunci anche digitalmente rendendosi conto di come è strutturata la casa. Le agenzie possono inoltre fare la differenza, utilizzando la nostra modulistica on line, presto arricchita del modulo relativo alla firma elettronica e da un sistema di video riconoscimento da remoto asincrono".

"Nuove modalità di fare business – fa notare l'amministratore delegato -che oggi, dopo il lockdown, vanno ad arricchire il metodo Tecnocasa attraverso una più profonda sinergia tra strumenti on-line e off-line a conferma che le due anime possono e devono convivere, se sapientemente calibrate ed armonizzate".

"Tale processo – assicura Luigi Sada – ha permesso un’evoluzione della figura dell’agente immobiliare, ponendola ancor di più al centro ed elevandola ulteriormente sotto il profilo qualitativo, accelerando quindi la sua crescita con benefici sia per l’intera categoria (agenti più strutturati, servizi diversificati in presenza e in remoto avanzati) e il mercato stesso, in primis i clienti, le famiglie, gli investitori e tutti coloro che gravitano attorno al mondo immobiliare".

"Attualmente – continua – il Gruppo Tecnocasa è composto da 3.425 agenzie nel mondo (dati al 31 gennaio 2021) che operano nell’intermediazione immobiliare e nella mediazione creditizia. In Italia le reti del Gruppo Tecnocasa in franchising contano 2.306 punti vendita. Per il 2021 sono previste 180 nuove aperture in Italia. Tenendo conto che per funzionare correttamente e a pieno regime mediamente in ogni agenzia deve avere almeno 3 collaboratori (escluso il titolare) su un totale di 180 nuove aperture in Italia stimiamo il potenziale inserimento di 540 nuove risorse. Per candidarsi è sufficiente inviare il proprio curriculum vitae attraverso l’apposito form su uno dei portali del gruppo tecnocasa.it e tecnorete.it sezione 'lavora con noi' o in alternativa inviare il proprio curriculum attraverso i siti delle singole agenzie raggiungibili sempre attraverso i portali. Sono diverse le figure professionali presenti nelle agenzie Tecnocasa, Tecnorete sia del settore residenziale sia del comparto immobili per l’impresa in modo da consentire la massima trasparenza, preparazione tecnica e commerciale a tutela e a vantaggio del cliente".

"Agente immobiliare affiliato – ricorda – è un imprenditore autonomo che avvalendosi del know-how aziendale riduce il rischio d’impresa, i tempi d’avviamento e ottimizza la produttività e la redditività delle risorse impiegate traendo i maggiori benefici possibili nel rispetto della deontologia professionale. C'è poi il responsabile d’agenzia, costituisce il tramite tra l’affiliato e i collaboratori; è una figura dinamica e il motore trainante dell’agenzia". "Le opportunità di impiego che offrono le agenzie – continua – sono rivolte anche al collaboratore dell’agenzia, il primo contatto tra il punto vendita e l’utente, col compito di procacciare informazioni utili per raggiungere risultati. Altro ruolo rilevante è quello del coordinatore d'agenzia, con mansioni inerenti all’organizzazione del punto vendita che vanno dalla gestione degli appuntamenti all’aggiornamento del data-base, dal telemarketing, alla cura delle inserzioni pubblicitarie".

"Il nostro Gruppo – ricorda – è costantemente impegnato nel recruiting e nell’incremento degli staff d’agenzia. Tecnocasa ha puntato, da sempre, esclusivamente sulla crescita interna dei collaboratori che possono realizzare il proprio progetto imprenditoriale soprattutto grazie ad una attenta e costante formazione sia pratica, presso le agenzie, sia teorica attraverso la scuola di formazione interna al gruppo. Nell’ultimo anno abbiamo registrato un incremento dei collaboratori pari a 946 unità, a conferma di un trend sempre in crescita a fronte del parallelo sviluppo delle reti. Nell’ultimo triennio si sommano ulteriori 1.259 individui che sono entrati a far parte del Gruppo Tecnocasa. Nei primi due mesi di quest’anno le risorse inserite sono 228". "L’età media dei collaboratori – aggiunge Luigi Sada – che fanno parte del Gruppo Tecnocasa è di 28 anni. Nel tempo l’età media tende ad abbassarsi in quanto diminuisce nel tempo l’età dei nuovi inseriti. I giovani sono quindi sempre più protagonisti del mondo immobiliare; questa professione costituisce una valida opportunità per coloro che intendono avviare un percorso imprenditoriale entrando a far parte del Gruppo Tecnocasa. Il nostro Gruppo permette ad un collaboratore neo-inserito, attraverso l’affiancamento con un tutor esperto e formazione tecnica e professionale, di potersi qualificare diventando un professionista ed affiliato Tecnocasa in circa 24 mesi. Il profilo ideale è un giovane dinamico predisposto ai rapporti interpersonali con il desiderio di crescere. Il forte interesse verso le opportunità di lavoro offerte dal Gruppo Tecnocasa in tutta la penisola è denotato anche dal numero di curricula ricevuti tramite il portale. Nel corso del 2019 ne abbiamo ricevuti 9.108. Quota in deciso rialzo nel 2020: da gennaio al 31 dicembre 2020 contiamo oltre 12.573 curricula pervenuti attraverso i portali del Gruppo Tecnocasa".

"La mediazione creditizia – dice all'Adnkronos/Labitalia Carlo Tenconi, amministratore delegato Kìron partner spa, partner società di mediazione creditizia del Gruppo Tecnocasa spa – è stato un settore che ha sempre potuto operare, in quanto inserito nelle liste delle attività che, anche in fase di lockdown, hanno potuto garantire la continuità di servizio ai propri clienti. Ci siamo da subito adoperati per mettere in sicurezza sia le agenzie sia il lavoro dei nostri collaboratori fornendo loro le indicazioni sulle misure di sicurezza da adottare per minimizzare i rischi ed operare al meglio. Abbiamo registrato nel corso degli ultimi mesi una rapida ripresa dell’attività lavorativa e un sempre maggiore ricorso alla nostra figura professionale che è stata particolarmente valorizzata in questo periodo caratterizzato dalle restrizioni legate allo stato emergenziale".

"Kìron – ricorda – opera con 195 agenzie (dato a gennaio 2021), come mediatore iscritto all'albo Oam, attraverso una propria rete di agenti distribuiti nei punti vendita Kìron ed Epicas, è cresciuta nel 2020 nonostante una difficile e particolare situazione economica e sanitaria superando i 900 collaboratori. La società ha previsto un piano di sviluppo importate anche per il 2021 in tutte le regioni, sia come numero di collaboratori, (previsione 205 agenti), che come nuovi punti vendita sul territorio nazionale (10), attraverso l'inserimento di giovani agenti consulenti del credito e assicurativo".

"Le figure – continua Carlo Tenconi – che il settore creditizio del Gruppo Tecnocasa vuole inserire nella rete sono giovani diplomati o laureati anche alla prima esperienza, che vogliono intraprendere una professione importante, che consiste nell’assistere le famiglie in un momento particolare della loro vita e che necessitano un finanziamento e una copertura assicurativa. Per candidarsi è sufficiente inviare il proprio curriculum vitae attraverso l'apposito form sul portale kiron.it nella sezione 'lavora con noi'".

"Come l'anno scorso anche quest'anno sul mercato immobiliare della casa vacanza, al mare, in montagna e al lago, in cui si muovono acquirenti non residenti e stranieri, incombe il divieto di spostamenti tra regioni. In alcune regioni, già da gennaio è iniziata la ricerca della casa in affitto per la stazione estiva e non solo". Lo dice all'Adnkronos/Labitalia Fabiana Megliola, responsabile ufficio studi Gruppo Tecnocasa.

"Nel 2020 – fa notare – hanno tenuto i valori della casa vacanza, al mare, in montagna e al lago. La domanda è elevata e, dai nostri dati, si registra anche un aumento delle compravendite di casa vacanza dal 2019 al 2020 passate del 5,8% al 6,5%. Dopo il primo lockdown tanti hanno espresso il desiderio di acquistare la casa in queste località spinti anche dal timore di non potersi spostare. Il turismo di prossimità ha aiutato questo mercato che ha espresso maggiori sofferenze dove c’era una domanda prevalentemente straniera".

"I tempi di vendita immobiliare – osserva – sono in leggero aumento. La tipologia più richiesta è il trilocale a seguire il quattro locali. Anche sull’offerta immobiliare prevale il trilocale. Sofferenza maggiore per i canoni di locazione: continua il calo causato da una domanda diminuita ed una maggiore offerta per mancanza di lavoratori fuori sede, universitari e turisti. Avanza ancora il contratto concordato che piace sempre di più ad inquilini e proprietari. Il mercato immobiliare chiude il 2020 con risultati migliori delle aspettative. I dati sul numero delle transazioni residenziali diramati dall’Agenzia delle Entrate conferma il desiderio, sempre vivo, di acquistare casa. Il 2020 si chiude con un ribasso delle transazioni del 7,7% recuperando in parte quanto perso nella prima parte del 2020 durante il primo lockdown. Interessante il dato che ha visto performare meglio le realtà più piccole rispetto ai capoluoghi a conferma del trend che vede un cresciuto desiderio di immobili con spazi esterni (terrazzi, balconi, giardino) e che spinge ad acquistare in località meno costose e con una maggiore offerta di queste tipologie".

"I prezzi – precisa – hanno subito un leggero calo fatta eccezione per alcune città tra cui Milano. Nelle metropoli hanno performato meglio le zone periferiche e semicentrali. Soffrono le aree centrali e quelle in cui si concentravano gli acquisti per investimento che, nel 2020, sono in calo.