Tecnologia e nuova normalità post pandemia: niente è come prima

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Parigi, 20 ott. (askanews) - La pandemia ha cambiato per sempre il modo in cui usiamo la tecnologia. E se diminuire il numero delle riunioni online e tornare ad allenarsi in palestra e non davanti a uno schermo è fonte di benessere in quanto segno del ritorno alla normalità, bisogna fare i conti col fatto che alcune cose sono cambiate per sempre, come ha spiegato ad askanews Steve Koenig, vicepresidente e ricercatore di Cta, la consumer electronic association che da oltre 50 anni organizza il Ces, uno degli eventi dedicati alla tecnologia più importanti al mondo.

"Durante il periodo dell'emergenza sanitaria noi come consumatori abbiamo avuto una serie di cambi di rotta legati alla pandemia, abbiamo modificato il nostro comportamento in diversi modi - ha detto - la tecnologia ci ha aiutato principalmente attraverso i servizi e questi servizi ora sono diventati importanti per l'industria e vediamo molte innovazioni soprattutto per quanto riguarda la salute digitale, la sostenibilità, il cambiamento climatico".

Le nuove abitudini acquisite durante la pandemia dunque non scompariranno. "C'è una nuova normalità che si manifesta principalmente con una serie di servizi audio e streaming per fitness, salute, shopping online - ha spiegato Koenig - sono cambiamenti di comportamento avvenuti proprio durante la pandemia; ma abbiamo scoperto con le nostre ricerche che molti di questi modi nuovi di usare la tecnologia sono diventati ora la modalità principale. E non torneremo indietro allo stile di vita pre pandemia, abbiamo modificato il nostro comportamento, facciamo molte più attività online, abbiamo molti più servizi, c'è un mix di queste cose quotidianamente nelle nostre vite e tutto questo descrive la nuova normalità".

di Lucilla Nuzzo

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli