Tecnologie riconoscimento facciale, allarme anche da boss di Google -3-

Mos

Roma, 21 gen. (askanews) - La Repubblica popolare è il Paese con più camere destinate al riconoscimento acciale al mondo. Da qualche mese la città di Zhengzhou, capitale della provincia di Henan, ha in funzine un sistema (per ora volontario) che consente di utilizzare il riconoscimento facciale per il pagamento automatico dei biglietti della metropolitana. Un nuovo regolamento, inoltre, richiede la scansione del volto di coloro che acquistano schede Sim per i telefoni cellulari.

Uno studio pubblicato a dicembre dalla Comparitech, una società di cybersecurity, ha indicato nella Cina il paese "peggiore al mondo" per il suo utilizzo estensivo di videocamere di sorveglianza: il ministero della Pubblica sicurezza di Pechino ha detto che quest'anno ve ne saranno in funzione 626 milioni. A Chongqing, in particolare, ci sono 168 camere di sorveglianza ogni 1.000 abitant. Per fare un paragone, a Londra sono 68.

Questa pressione biometrica sta provocando preoccupazioni nei cinesi. Un recente sondaggio del Nandu Personal Information Protection Research Center ha rilevato, su un campione di 6.152 persone, un 57 per cento di persone preoccupate del fatto che i loro movimenti possano essere monitorati, un 84 per cento cher vorrebbe poter rivedere i dati raccolti daisistemi di riconoscimento facciale in modo da poterne richiedere la cancellazione.