Tedros (Oms): Omicron pericolosa, soprattutto per i non vaccinati

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 12 gen. (askanews) - La variante Omicron del Covid-19 è pericolosa, soprattutto per i non vaccinati. Lo ha affermato oggi l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

"Sebbene Omicron causi una malattia meno grave di Delta, rimane un virus pericoloso, in particolare per coloro che non sono vaccinati", ha detto il numero uno dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus in una conferenza stampa. "Non dobbiamo permettere a questo virus di girare liberamente o sventolare bandiera bianca, soprattutto quando così tante persone rimangono non vaccinate", ha insistito Tedros sottolineando che in Africa oltre l'85% della popolazione non ha ancora ricevuto una singola dose di vaccino. "Non possiamo porre fine alla fase acuta della pandemia a meno che non colmiamo questo divario", ha spiegato il capo dell'agenzia dell'Onu.

Tedros ha ricordato che inizialmente aveva sperato che ogni Paese vaccinasse il 10% della popolazione entro la fine di settembre 2021, il 40% entro la fine di dicembre e il 70% entro la metà del 2022. "Ma 90 Paesi non hanno ancora raggiunto il 40%, 36 dei quali sono ancora al di sotto del 10%", ha affermato.

La "schiacciante maggioranza" dei ricoverati negli ospedali di tutto il mondo non è vaccinata, ha aggiunto. "E sebbene i vaccini rimangano molto efficaci nel prevenire la morte e la malattia grave, non prevengono completamente la trasmissione, quindi il rischio che emerga una variante più letale è reale", ha affermato.

Alla notizia che il numero di decessi in tutto il mondo si è stabilizzato a circa 50.000 a settimana, Tedros ha dichiarato: "Imparare a convivere con questo virus non significa che possiamo, o dobbiamo, accettare questo numero di morti".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli