Telefonata Biden-Xi specchio delle tesissime relazioni Usa-Cina

·2 minuto per la lettura
Telefonata Biden-Xi specchio delle tesissime relazioni Usa-Cina
Telefonata Biden-Xi specchio delle tesissime relazioni Usa-Cina

Milano, 11 feb. (askanews) – Joe Biden ha tenuto la sua prima telefonata da presidente con Xi Jinping, insistendo con il leader cinese sul commercio e sulle numerose preoccupazioni per il rispetto dei diritti umani. I due leader hanno parlato poche ore dopo che Biden ha annunciato i piani per una task force del Pentagono per rivedere la strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti sulla Cina. Nonchè dopo l’annuncio di nuove sanzioni contro il regime militare del Myanmar, insediatosi a seguito di un colpo di stato.

Preoccupazioni di Biden “per le pratiche coercitive e sleali” cinesi, la loro repressione a Hong Kong, le denunce di “violazioni dei diritti umani nello Xinjiang” e le azioni “sempre più assertive nella regione, anche nei confronti di Taiwan”.

Pechino non sembra decisa ad abbandonare il pugno di ferro, da Hong Kong a Taiwan: Xi ha detto a Biden erano questioni di “sovranità e integrità territoriale”.

Biden ha affermato che un Indo-Pacifico libero e aperto è una priorità e che il confronto sarebbe stato un “disastro” per entrambi i paesi. La telefonata è stata la prima tra Xi e un presidente degli Stati Uniti da quando il leader cinese ha parlato con Donald Trump nel marzo dello scorso anno.

Da allora, le relazioni tra i due paesi sono precipitate al loro peggior livello da decenni, con Trump che incolpava la Cina per la pandemia di Covid-19.

La telefonata è anche arrivata dopo che la scorsa settimana il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha parlato con il diplomatico cinese Yang Jiechi. Questo è stato il primo scambio ad alto livello annunciato tra i numeri uno delle rispettive diplomazie dopo che l’ex Segretario di Stato Mike Pompeo ha incontrato Yang alle Hawaii lo scorso giugno.

Nella sua chiamata, Blinken ha detto che Washington difenderà i diritti umani nello Xinjiang, in Tibet e a Hong Kong: esattamente tutte le questioni dalle quali Yang aveva detto che gli Stati Uniti dovevano star fuori.

Servizio di Cristina Giuliano

Montaggio a cura di Alessandro Violante

Immagini Afp/askanews