Tempesta di neve in Spagna, tre morti

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Tre morti per la tempesta di neve 'Filomena' in Spagna. Le forti nevicate stanno flagellando tutto il Paese, colpendo in particolare la zona di Madrid e Malaga. Il ministro dell'Interno Fernando Grande-Marlaska ha parlato della "più terribile tempesta di neve degli ultimi 50 anni''. A Madrid, intanto, è sceso in campo l'esercito, che ha messo in salvo un migliaia di auto sulle strade della capitale.

Le autorità spagnole hanno deciso di interrompere i collegamenti ferroviari da e per Madrid. Chiuso anche l'aeroporto di Barajas, mentre è stata bloccata la circolazione delle auto in tutte le strade della comunità di Madrid. Sospeso anche il servizio di autobus nella capitale, mentre il sindaco José Luis Martínez-Almeida ha chiesto ai cittadini di restare in casa. "La situazione è molto grave, la città è bloccata", ha dichiarato chiedendo l'intervento dell'esercito. Da oggi e fino a martedì resteranno chiuse anche tutte le scuole e le università di Madrid.

"La situazione è grave e non possiamo ignorarla. Voglio ribadire ai cittadini di restare a casa e seguire le raccomandazioni delle autorità", ha detto in conferenza stampa il ministro ai Lavori pubblici José Luis Abalos. "Quando la tempesta si placherà, ci sarà un fronte freddo con temperature molto basse e si produrrà ghiaccio. Allora entreremo in una situazione forse più pericolosa di quella che abbiamo in questo momento".

Il ministro dell'Interno ha sottolineato che il settore più colpito è quello del trasporto terrestre: "Centinaia di trasportatori sono stati costretti a fermarsi'', ha detto, parlando di ''ore difficili'' e chiedendo ''alla popolazione di prendere tutte le misure precauzionali" rinviando "qualsiasi trasporto su strada" perché "stiamo affrontando la tempesta più intensa degli ultimi 50 anni".

Grande-Marlaska ha quindi spiegato che sono 19 le comunità in allerta a causa delle avverse condizioni meteorologiche causate dalla tempesta Filomena con pioggia e neve sulla penisola e venti di oltre 90 chilometri all'ora nelle Isole Canarie.