Tempio dorico a Paestum, trovate delle tracce sotterranee -2-

Sav

Roma, 28 nov. (askanews) - "Quello che ci ha sorpreso - ha spiegato - è la struttura interna che si intravede: ci sembra essere un corpo centrale, una cella, circondata da un portico. Ma un tale tipo di impianto, chiamato periptero in virtù del fatto che è completamente circondato da colonne, di solito non viene adottato per edifici così piccoli, ma solo per grandi templi come quello di Nettuno a Paestum. Pertanto solo uno scavo scientifico potrà dare risposte certe".

"Il team multidisciplinare del Cnr, costituito da Imaa e Irea, che da diversi anni in stretta collaborazione si occupa di esplorazione del sottosuolo, ha lavorato secondo un approccio multidisciplinare andando da una indagine a grande scala, come quella geomagnetica che ha investigato per circa 2 ettari individuando le zone di maggiore interesse archeologico, ad una investigazione di dettaglio", ha spiegato Enzo Rizzo (Cnr-Imaa). "In una di queste aree - ha continuato Francesco Soldovieri (Cnr- Irea) - è stata condotta una campagna di prospezioni georadar. L'analisi dei dati georadar grazie ad approcci di elaborazione sviluppati dall'Irea ha permesso di identificare la planimetria del tempietto e la sua profondità di circa un metro".

"Oltre all'eccezionale valore scientifico - ha concluso Zuchtriegel - il rinvenimento è per noi anche un'occasione per creare coesione e sinergie intorno al patrimonio archeologico, dimostrando in questa maniera che tutela, ricerca e valorizzazione sono parte di un unico cerchio, un'archeologia 'circolare' appunto, attenta ai temi della conoscenza e della fruizione accessibile e inclusiva."