Temporali e caldo africano, Italia ancora divisa a metà nel weekend

·1 minuto per la lettura

Maltempo al Nord e una fiammata africana al Sud, Italia ancora divisa a metà nel weekend. Un nuovo e intenso fronte perturbato si appresta a interessare le regioni settentrionali del Paese, mentre nelle regioni meridionali il weekend sarà caratterizzato dall'apice della fiammata africana. Mattia Gussoni, meteorologo de iLMeteo.it informa che da oggi una nuova raffica di temporali comincerà a colpire il Nordovest per poi incamminarsi lentamente verso il Nordest, raggiungendolo entro sera. I temporali riusciranno a colpire pure la Toscana settentrionale e la Liguria di levante. Sarà domani, domenica 19 settembre, che la perturbazione acquisterà maggior potenza con piogge battenti, temporali e possibili allagamenti che potranno interessare i settori alpini, prealpini e le pianure di Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Su Lombardia e Friuli Venezia Giulia è attesa un’intensa ondata di maltempo.

Sul resto d'Italia sarà l'anticiclone africano a dettar legge. Grazie alla sua ostinata presenza le temperature al Sud faranno misurare valori davvero anormali per il periodo e sopra la media di circa 10°C. In Sicilia si potranno raggiungere picchi di 36-37°C, fino a 35°C invece sulla Basilicata ionica e in Puglia.

Oggi sabato 18 settembre - Al nord: tempo in peggioramento con temporali da Ovest verso Est entro sera. Al centro: un po’ instabile su alta Toscana, Umbria e Marche. Al sud: sole e caldo.

Domenica 19 settembre - Al nord: maltempo intenso, soprattutto su alto Piemonte, Lombardia e Triveneto. Al centro: temporali in Toscana, locali in Umbria e Lazio interno. Al sud: soleggiato e caldo.

Lunedì 20 settembre - Al nord: piogge sulle coste adriatiche, sulle Alpi e in serata al Nordovest. Al centro: in prevalenza asciutto. Al sud: asciutto.

Nuove piogge e temporali da martedì 21.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli