Tenda militari fuori dal Cardarelli: venti postazioni per pazienti non gravi

·1 minuto per la lettura
Ospedale Cardarelli tenda esercito
Ospedale Cardarelli tenda esercito

Data la sofferenza dei nosocomi in provincia di Napoli, che sono arrivati ad esaurire i loro posti letto dedicati ai pazienti con coronavirus, fuori dall’ospedale Cardarelli l’Esercito sta allestendo una tenda che permetterà di mettere a disposizioni 20 postazioni.

Tenda dell’Esercito all’ospedale Cardarelli

Nella notte tra domenica 1 e lunedì 2 novembre 2020 i militari hanno lavorato per mettere in piedi una tenda riscaldata di 240 metri nell’area tradizionalmente utilizzata come parcheggio delle automobili alle spalle del Pronto Soccorso. L’obiettivo principale è infatti quello di allentare la pressione sul reparto di Osservazione breve: i pazienti accolti saranno soggetti contagiati che necessitano di monitoraggio ma non hanno una sintomatologia grave.

La tenda dovrebbe essere pronta per martedì 3 o mercoledì 4 novembre. Per il momento i tecnici hanno eseguito un sopralluogo per pianificarne l’installazione. Inizialmente vi lavoreranno medici e infermieri del Cardarelli ma, data la carenza, non si esclude che possano arrivare rinforzi.

Giuseppe Longo, il direttore generale della struttura, ha spiegato che il personale ospedaliero si sta sforzando per affrontare l’epidemia anche se ha ammesso che soprattutto la sera diventa difficile con sette/otto ambulanze contemporaneamente. “Noi accettiamo tutti. Ho detto al personale che possiamo avere anche 50 pazienti insieme e non smetteremo di dare assistenza“, ha aggiunto. Non negando la mancanza di spazi per sopportare un tale affollamento, ha sottolineato che la tenda avrà proprio la funzione di alleggerire il Pronto Soccorso. Ha infine concluso parlando dell’aiuto dei militari come di un programma nazionale che riguarda diverse Regioni come il Piemonte e la Liguria oltre alla Campania.