Tennis: Atp Indian Wells, 4 azzurri approdano al turno decisivo delle qualificazioni

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Los Angeles, 6 ott. – (Adnkronos) – Salvatore Caruso, Roberto Marcora, Matteo Viola e Andrea Arnaboldi sono approdati al turno decisivo delle qualificazioni del torneo Atp Masters 1000 di Indian Wells. Nella notte italiana è finita 3-0 la sfida tra gli azzurri e gli australiani. Caruso, seconda testa di serie, ha liquidato per 6-0 6-3 Jason Kubler, numero 215 Atp, e si giocherà la qualificazione con l’ecuadoregno Roberto Quiroz, numero 300 del mondo, sempre battuto in due set nelle due sfide precedenti.

Marcora, numero 208 ATP, si è imposto in rimonta per 6-7 (5-7) 7-6 (7-5) 6-2 su Alex Bolt, numero 137 del ranking e terza testa di serie, e si giocherà un posto nel main draw con Viola, numero 294 del mondo, che ha superato per 6-3 3-6 7-6 (11-9) Thanasi Kokkinakis, 183 del ranking e sedicesima testa di serie, battuto per la prima volta in tre sfide, dopo aver annullato un match-point nel tie-break decisivo (1-1 i precedenti tra il lombardo e il veneto).

Infine Arnaboldi, numero 281 del ranking, si è aggiudicato per 6-3 3-6 6-3 il derby tricolore contro Federico Gaio, numero 152 e settima testa di serie, e ora dovrà vedersela con l’argentino Renzo Olivo, numero 199 Atp e 22esima testa di serie, già sconfitto al primo turno delle qualificazioni di Wimbledon 2015. Fuori invece Thomas Fabbiano. Il 32enne di San Giorgio Ionico, numero 225 del mondo, è stato battuto in rimonta per 2-6 6-2 6-1, in poco meno di un’ora e mezza di gioco, dal turco Altug Celikbilek, numero 168 del ranking e decima testa di serie delle qualificazioni, che si è anche preso la rivincita per la sconfitta rimediata dal pugliese quest’anno al primo turno del challenger di St. Tropez.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli