Tennis: Barazzutti, 'esenzione a Djokovic? Ci può essere sospetto ma credo ne avesse diritto'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 4 gen. – (Adnkronos) – "Capisco che ci possa essere il sospetto che sia stata fatta una legge 'ad personam' per Djokovic ma io credo che avesse diritto all'esenzione vaccinale. Non penso che questa commissione di medici chiamata a decidere sulle richieste di esenzione sia stata condizionata dall'importanza del tennista serbo, soprattutto considerando il rigore con cui l'Australia sta affrontando la pandemia". L'ex capitano azzurro di Coppa Davis Corrado Barazzutti commenta così la decisione di concedere l'esenzione dal vaccino al numero uno del mondo Novak Djokovic per partecipare all'Australian Open.

"Non conosco la situazione medica di Djokovic né i motivi precisi per i quali è stata concessa l'esenzione ma sono convinto che non abbia avuto una corsia preferenziale. Indubbiamente un Australian Open con il serbo in campo è più interessante ma l'importanza di un torneo del Grande Slam va al di là dei nomi di chi partecipa. Anche senza di lui il torneo di Melbourne avrebbe avuto seguito sui media e sui social".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli