Tennis: Berrettini, 'grazie a lui sono diventato un giocatore, rimarrà nella storia del gioco'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Bologna, 15 set. – (Adnkronos) – "E' un momento triste per gli appassionati di tennis, me stesso in primis, e per lo sport in generale. E' una delle figure più grandi dello sport globale, ci ha regalato e ha portato il tennis a un livello differente. Non ho mai nascosto che è uno dei motivi per cui ho sognato di provare a fare il tennista professionista. L'ho sempre tifato, supportato, ho sempre cercato di prendere spunto da lui, è sempre stato un esempio dentro e fuori dal campo per il suo comportamento e carisma. Purtroppo era nell'aria, ma nessuno avrebbe voluto sentire questa notizia". Matteo Berrettini commenta così il ritiro di Roger Federer che appenderà la racchetta al chiodo dopo la Laver Cup in programma dal 23 al 25 settembre. "Ci mancherà averlo nei tornei, ci mancherà la sua classe e tutto quello che ha apportato al tennis. Ma rimarrà nella storia del tennis e dello sport per sempre. Grazie a Roger", conclude il 26enne romano da Bologna dove è impegnato in Coppa Davis.