Tennis: Berruto (Pd), 'Djokovic s'è scoperto, ma se ha diritto giochi'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 10 gen. (Adnkronos) – "Evidentemente è stata riconosciuta la legittimità dell'ingresso di Djokovic in Australia e di potervi giocare gli Open". Però ora "si evidenziano due aspetti: il primo è che ha ufficializzato la sua posizione no vax, e il secondo che si è aperta un'altro capitolo, la sua partecipazione a eventi pubblici il giorno dopo aver contratto il virus. In Italia questa posizione, per un cittadino come per il numero 1 del tennis mondiale, sarebbe perseguibile". Lo dice all'Adnkronos l'ex ct di pallavolo e ora responsabile Sport del Pd, Mauro Berruto.

"Questo secondo aspetto non è un problema per l'Australia, semmai per la Serbia: sarebbe interessante sapere cos'ha da dire in merito il governo serbo. Quando a Djokovic, il mio giudizio personale non cambia e le nostre posizioni sono opposte. In realtà mi piacerebbe che anche dal mondo dello sport e dai grandi sportivi arrivasse un costante richiamo alla necessità di vaccinarsi e il caso Djokovic dimostra come il megafono a loro disposizione sia uno strumento molto potente. Mi auguro che non si abbassi la guardia su questo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli