Tennis: caso Djokovic, 'palla' alla Corte mentre legali combattono per tenerlo in Australia

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Sydney, 7 gen. (Adnkronos) – Il numero uno del tennis mondiale Novak Djokovic rimarrà in un hotel di detenzione per tutto il fine settimana mentre i suoi avvocati combattono per consentire all'asso del tennis di rimanere nel paese per difendere la sua corona all'Australian Open. Il suo caso si terrà lunedì mattina davanti a un giudice della Corte federale che ha la 'palla' in mano per decidere se potrà giocare il primo Slam della stagione. Gli è stata concessa un'ingiunzione provvisoria dopo un ricorso presso la Federal Circuit Court, che gli impedisce di essere espulso almeno fino alle 16:00 di lunedì.

I problemi con il visto della superstar serba sono iniziati mercoledì notte quando è atterrato a Melbourne prima dell'evento del Grande Slam che inizierà il 17 gennaio. Djokovic ha rifiutato di dichiarare il suo stato di vaccino covid-19, cosa che tutti i partecipanti al torneo devono fare perché è richiesto di essere completamente vaccinati o avere un'esenzione medica per entrare nello Stato di Victoria senza intraprendere la quarantena obbligatoria di 14 giorni. Gli organizzatori dell'AO hanno annunciato martedì che l'esenzione di Djokovic era stata concessa a seguito di una revisione che coinvolgeva due gruppi di esperti medici. In una dichiarazione rilasciata giovedì, tuttavia, l'Australian Border Force (ABF) ha annunciato che "non ha fornito prove adeguate per soddisfare i requisiti di ingresso" e il suo visto è stato successivamente annullato. L'Australian Border Force (ABF) sta indagando anche su altri due casi a cui è stato permesso di entrare nel paese in una situazione apparentemente simile a quella di Djokovic.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli