Tennis: Djokovic trova alleato in Kyrgios, 'brutto come stiamo gestendo situazione, è umano'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Melbourne, 7 gen. (Adnkronos) – Novak Djokovic ha trovato un improbabile alleato in mezzo a una tempesta di giocatori che condannano il suo comportamento, si tratta di Nick Kyrgios. I due hanno scambiato diverse battute verbali negli ultimi anni e Kyrgios è stato uno dei primi giocatori a denunciare il comportamento di Djokovic quando ha ospitato il famigerato Adria Tour nel 2020, un evento in cui diversi giocatori, staff e spettatori hanno contratto il covid-19, ma il tennista australiano scrivendo su Twitter, ha implorato gli australiani di "fare meglio". "Guardate, credo fermamente nell'agire, sono stato vaccinato a causa degli altri e per la salute di mia madre", ha detto Kyrgios. “Ma il modo in cui stiamo gestendo la situazione di Novak è brutto, davvero brutto. Questi meme, titoli, questo è uno dei nostri grandi campioni ma alla fine è umano. Bisogna fare meglio".

Altrove, altri giocatori hanno espresso il loro sostegno alle circostanze che sta vivendo Djokovic. Il numero 24 del mondo l'americano John Isner ha dichiarato su Twitter: “Quello che Novak sta attraversando in questo momento non è giusto. Non c'è giustificazione per il trattamento che sta ricevendo. Ha seguito le regole, gli è stato permesso di entrare in Australia e ora è detenuto contro la sua stessa volontà. Questa è una vergogna". L'ex campione degli Us Open Marin Cilic si è sentito "molto dispiaciuto" per il serbo. "Per me personalmente, è difficile giudicare qualcosa perché non abbiamo tutti le informazioni complete sul suo caso", ha detto Cilic. “È difficile dire in modo costruttivo qualcosa di oggettivo [se] il governo australiano avrebbe dovuto decidere prima o meno. Questo è una loro decisione. Ma guardando la situazione, è decisamente incredibile che sia successo come è successo, specialmente a Novak, che è arrivato qui, e quello che sta ancora succedendo. Sicuramente mi dispiace molto per lui. Spero che la cosa si risolva molto presto".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli