Tennis: Margaret Court, 'non credo che Serena Williams mi abbia mai ammirato'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 5 set. (Adnkronos) – Margaret Court non crede che Serena Williams l'abbia mai "ammirata" e afferma che il gioco moderno è significativamente più facile di quanto non fosse nella sua epoca. La Williams, ampiamente considerata una delle più grandi sportive di tutti i tempi, ha deciso di lasciare il tennis giocato dopo la sconfitta contro Ajla Tomljanovic nel terzo turno degli Us Open. Anche se il suo tempo nel tour ora sembra finito, la 40enne ha ammesso "non si sa mai" quando le è stato chiesto delle apparizioni future, ma un'inversione a U è ampiamente considerata altamente improbabile. La Williams si ritira con 23 vittorie in singolare nel Grande Slam, una in meno della detentrice del record Margaret Court che a 80 anni, è ora un pastore pentecostale ed è stata criticata negli ultimi anni per i commenti su razza, omosessualità e comunità transgender.

È stata schietta quando le è stato chiesto dei suoi sentimenti per la Williams, dicendo al British Telegraph: "Serena, l'ho ammirata come giocatrice. Ma non credo che mi abbia mai ammirato". La Court ha vinto i suoi titoli del Grande Slam in singolare tra il 1960 e il 1973 e l'australiana crede che i giocatori dell'era moderna abbiano molto più facilità di quanto non abbia avuto lei durante la sua straordinaria carriera. "Mi piacerebbe giocare in quest'epoca; penso che sia molto più facile", ha detto. "Quanto mi sarebbe piaciuto portare con me la famiglia o gli amici. Ma non potevo, dovevo andare da sola o con la nazionale. La gente non vede tutto questo. Come dilettanti, dovevamo giocare ogni settimana, perché non avevamo soldi. Ora possono decollare quando vogliono, tornare quando vogliono".

"Saremmo stati via per 10 mesi. Ecco perché mi sono ritirata per la prima volta nel 1965, perché avevo nostalgia di casa. Potresti essere con altre persone, ma non è come avere la tua famiglia lì. Non avevamo psicologi o allenatori con noi. È un mondo completamente diverso. Questo è ciò che mi delude, che i giocatori di oggi non onorano il passato di questo gioco".