Tennis: Pescosolido, 'esenzione Djokovic gestita male, brutta figura per lui e per Australian Open'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 5 gen. – (Adnkronos) – "La vicenda dell'esenzione medica di Djokovic è stata gestita molto male. Hanno fatto una brutta figura sia il giocatore che il torneo". Lo dice all'Adnkronos l'ex giocatore azzurro di Coppa Davis Stefano Pescosolido in merito all'esenzione vaccinale concessa al numero uno del mondo per poter difendere il titolo all'Australian Open.

"Bisognerebbe che il giocatore spiegasse i motivi per i quali gli è stato concesso di partecipare senza vaccino -aggiunge Pescosolido-, perché se ci fosse un motivo serio nessuno farebbe polemiche ma se non le fornisse e viste le sue posizioni no vax dei mesi scorsi è chiaro che in tanti pensino che sia stato un escamotage per far giocare il numero 1. Immagino anche che tanti colleghi, che si sono vaccinati per poter gareggiare a Melbourne, si sentiranno presi in giro. Anche il torneo ne esce male perché dopo tante dichiarazioni di fermezza sull'obbligo vaccinale si sono dimostrati deboli per paura di perdere il campione in carica. Una brutta pagina per il tennis, speriamo di lasciarcela presto alle spalle e che torni a parlare il campo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli