Tennis: Pietrangeli, 'con Djokovic due pesi e due misure, il numero 1 dovrebbe dare l'esempio'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 4 gen. – (Adnkronos) – “Mi sembra poco carino da parte del numero 1 del mondo…Non so se sia vaccinato o meno e non entro nel merito della sua scelta, però quello che trovo assurdo è che il governo australiano a lui permette di entrare e partecipare al torneo senza il vaccino. Anche il numero 20 potrebbe fare la stessa cosa? E il numero 30 uguale? Lui, secondo me, dovrebbe dare l’esempio”. Il due volte campione del Roland Garros Nicola Pietrangeli commenta così l'esenzione vaccinale concessa a Novak Djokovic per poter partecipare all'Australian Open.

“Quello che dovrebbe fare non sta a me dirlo, sono affari suoi ma in partenza, il fatto che chieda di giocare senza essersi sottoposto a quanto richiesto a tutti gli altri, mi sembra poco carino, diciamo così…-aggiunge Pietrangeli a Notizie.com-. È un problema di due pesi e due misure, su questo non c’è dubbio. La domanda è: se fosse stato un altro, lo avrebbero fatto entrare? O è solo perché fa comodo al torneo? Non lo dico come una critica, semplicemente anche io mi pongo una domanda. Chiarisca, faccia vedere meglio questa esenzione, così siamo contenti tutti. Non vedo il perché il governo australiano gli permetta di entrare, a lui, e gli altri no? A mio avviso, la vicenda non è regolare. Non è solo una questione che riguarda lo sport o il mondo del tennis, ma riguarda tutti noi. Il Covid non c’è solo nello sport o nella politica, ma è di tutti. Se sei il numero 1 del mondo, e vuoi entrare in campo, devi dare l’esempio".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli