Tennis: qual. Australian Open, Tomic all'arbitro 'ho il covid, tra due giorni sono positivo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Melbourne, 11 gen. (Adnkronos) – Altro caso singolare in Australia. Oltre a quello che sta accadendo a Novak Djokovic ha fatto scalpore Bernard Tomic, sconfitto nel primo turno di qualificazione agli Australian Open contro il russo Roman Safiullin 6-1, 6-4. La sconfitta è passata in secondo piano quando il giocatore ha dichiarato, a metà partita, di avere il coronavirus. Tomic sembrava affaticato e persino stordito a volte e sentiva il battito cardiaco accelerato.

Quando era sotto 2-1 nel secondo set, nel cambio di campo è andato dall'arbitro di sedia, la brasiliana Aline Da Rocha Nocinto e le ha detto che era fisicamente malato. Tomic ha rifiutato di farsi curare dal medico del torneo ed è stato allora che si è rivolto all'arbitro di sedia dicendo: "Sono convinto di avere il covid, vi dico che nei prossimi due giorni risulterò positivo. Se entro tre giorni non risulterò positivo vi invito a cena, e se è dimostrato che ho il virus sarete voi ad invitami".

Tomic ha poi messo in dubbio il sistema di test pre-partita: "Non posso credere che non facciano i test Pcr su di noi. Stanno permettendo ai giocatori di entrare in campo con test antigenici rapidi che facciamo noi stessi nella stanza. Non ci sono test "Ufficiali Pcr", ha detto Tomic.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli