Tennis: Sinner, 'match con Medvedev mi dà fiducia, non vedo l'ora di giocare in Davis' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Il numero 10 del mondo è sceso in campo sapendo di non aver possibilità di andare in semifinale dopo il successo di Zverev su Hurkacz nel pomeriggio. “Mi andava bene giocare alle 21, non è calata la tensione anche dopo la vittoria di Zverev, perché per me era importante giocare una bella partita per capire delle cose, anche in funzione futura. Quando hai la chance di giocare contro il numero 2 al mondo che ha appena vinto uno Slam, non pensi più se passi il turno o no. Ho provato a batterlo anche perché 200 punti erano importanti per me. Ho dato il massimo anche se ero teso, poi ho coinvolto il pubblico e ci siamo divertiti”.

In più di una occasione, durante il match, Medvedev è parso poco attento o poco interessato. “Ma non si può parlare di scorrettezza da parte sua -sottolinea Sinner-. Io spero di rigiocare con lui quando conterà ancora di più la partita, poi vedremo cosa farà. Intanto oggi l'ha vinta così, dunque è stato bravo lui. Se lui è numero 2 del mondo del resto c'è un perché”.

Infine un grazie al pubblico di Torino. “Quando giochi in Italia e ci sono persone che tifano per te è più semplice giocare, ma sono sempre rimasto nei confini della correttezza, e sono arrivato al punto di giocarmi il match proprio grazie al pubblico. Abbiamo giocato tutti insieme. Sono stato bravo a tenere botta a inizio secondo set. Mi hanno fatto sentire a casa, e questa cosa serve. Non vedo l'ora di rigiocare qui a Torino in Davis”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli