Tennis: Toni Nadal sull'esenzione medica a Djokovic, 'spero dia spiegazione'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Madrid, 5 gen. – (Adnkronos) – "Sarebbe cosa buona se Djokovic desse qualche spiegazione" sull'esenzione medica all'Australian Open. L'ultimo invito al numero uno del mondo, il più recente in ordine di tempo, arriva da Toni Nadal. Lo zio di Rafael e a lungo suo coach, che ora cura l'accademia di famiglia e segue il canadese Felix Auger-Aliassime, ha pubblicato un articolo sul Pais, il principale quotidiano generalista spagnolo, in cui si è detto sorpreso dall'esito della vicenda. "Pensavo che avrebbe rinunciato o si sarebbe vaccinato" ha scritto.

Toni Nadal esclude la possibilità di irregolarità o trattamenti di favore per Djokovic. Il serbo, spiega, "non è obbligato a dare alcuna spiegazione, ma deve essere consapevole del suo ruolo di punto di riferimento mondiale in un periodo di grave crisi sanitaria che sta causando così tanto dolore". Di fronte a uno scenario in cui "parenti non si sono potuti vedere per due anni", ha concluso, "mi piace pensare che Djokovic darà un segnale di sensibilità e comprensione".

Intanto suo nipote Rafa ha conosciuto il suo primo avversario nel 2022, il numero 301 in carriera nel circuito Atp. Il suo percorso in singolare al Melbourne Summer Set inizierà contro il 31enne lituano Ricardas Berankis. Entrato in Top 50 nel 2016, mai arrivato negli ottavi di uno Slam, Berankis è numero 104 del mondo. A Melbourne, ha superato l'argentino Tomás Etcheverry e il turco Altug Çelikbilek nelle qualificazioni, e al primo turno ha sorpreso lo statunitense Marcos Giron 7-5 6-4.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli