Tennis: Wimbledon, niente più riposo nella domenica centrale e 25% di spettatori

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Londra, 27 apr. (Adnkronos) – Il torneo di tennis di Wimbledon potrebbe avere il 25% della sua capacità di pubblico quest'anno a seguito delle restrizioni per il coronavirus che coinvolgono eventi all'aperto, secondo i responsabili del torneo. Ian Hewitt, presidente dell'All England Club, che ospita lo Slam sull'erba, e Sally Bolton, amministratore delegato, hanno fornito una panoramica dei piani per l'evento di quest'anno. Devono ancora essere prese decisioni sul premio in denaro finale per i vincitori e su quanti biglietti saranno disponibili per la vendita poiché ciò dipende dalle regole del governo al momento in cui la competizione inizierà dal 28 giugno. I prezzi dei biglietti rimarranno tuttavia quello del 2020 dopo che l'evento dello scorso anno è stato annullato a causa dell'epidemia di coronavirus.

"A questo punto, l'applicazione delle linee guida correnti, la nostra sede all'aperto si traduce nel poter avere una capacità di circa il 25 per cento di pubblico in tutta la nostra area", ha detto Bolton. "Questo crea condizioni eccezionalmente impegnative per l'assegnazione dei biglietti. Anche se è troppo presto per finalizzare le nostre capacità individuali delle tribune, lavoreremo sodo per creare il mix di spettatori per cui Wimbledon è così famoso, lavorando anche duramente per proteggere la performance finanziaria e il servizio che forniamo alla Lawn Tennis Association", ha aggiunto Bolton. La distribuzione dei biglietti sarà ritardata al "più tardi possibile" in modo che il club abbia la possibilità di accogliere più spettatori, a seconda di quelle che saranno le indicazioni del Governo.

L'altra novità è la decisione storica alla rinuncia al riposo della domanica, dal 2022 a Wimbledon non ci sarà più infatti il "Middle Sunday", si giocherà anche la domenica della prima settimana, in precedenza intoccabile, e i match dei tabelloni principali saranno dunque distribuiti nell'arco di 14 giorni.