Tensione tra Armenia e Azerbaigian: il premier armeno chiede aiuto a Putin

Tensione tra Armenia e Azerbaigian: il premier armeno chiede aiuto a Putin Sputnik/Valeriy Sharifulin/Pool via REUTERS ATTENTION EDITORS - THIS IMAGE WAS PROVIDED BY A THIRD PARTY.
Tensione tra Armenia e Azerbaigian: il premier armeno chiede aiuto a Putin Sputnik/Valeriy Sharifulin/Pool via REUTERS ATTENTION EDITORS - THIS IMAGE WAS PROVIDED BY A THIRD PARTY.

Notte di tensione tra Armenia e Azerbaigian dopo che, come denunciato dal governo armeno, l'esercito azero ha tentato di avanzare con l'esercito nei territori di confine tra i due Paesi. Secondo quanto riferito da Yerevan i militari dell'Azerbaigian hanno dato vita a scontri al confine utilizzando artiglieria, mortai da trincea e droni.

Sarebbero anche statE udite delle esplosioni, con l'Armenia che denuncia attacchi a infrastrutture militari e civili, mentre il governo azero ha svelato di essere intervenuto con l'esercito a causa della presenza di alcuni sabotatori armeni. Nella notte gli scontri al confine hanno causato la morte di soldati da entrambe le parti.

Il primo ministro armeno, Nikol Pashinian, ha deciso quindi di tenere dei colloqui con il presidente russo Vladimir Putin, il suo omologo francese Emmanuel Macron e il segretario di Stato statunitense Antony Blinken per chiedere loro di reagire all'"aggressione" dell'Azerbaigian. Nei colloqui separati, Pashinian ha detto di sperare in "una risposta appropriata da parte della comunità internazionale", alla luce degli scontri in corso al confine tra Armenia e Azerbaigian. Chiara la risposta di Macron, che secondo il governo armeno "ha ritenuto inaccettabile un'ulteriore escalation della tensione e ha sottolineato la necessità di disinnescare la situazione".

VIDEO - Putin: "Russia pronta ad esportare 50 milioni tonnellate di grano"

"Gli Stati Uniti sono profondamente preoccupati per le notizie di attacchi lungo il confine tra Armenia e Azerbaigian, compresi gli attacchi segnalati contro insediamenti e infrastrutture civili in Armenia" ha detto invece Antony J. Blinken, il segretario di Stato Usa. "Come abbiamo chiarito da tempo, non ci può essere una soluzione militare al conflitto" ha aggiunto. "Esortiamo a porre fine immediatamente a qualsiasi ostilità militare" ha chiosato secondo quanto diffuso dal Dipartimento.

Il premier Pashinian avrebbe chiesto l'intervento diretto della Russia e di Putin in virtù del Trattato di amicizia, cooperazione e mutua assistenza tra Yerevan e Mosca. Secondo quanto riferito dalla Tass, il gabinetto armeno ha annunciato: "Ci sarà anche un appello all'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (Otsc) e al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in relazione all'aggressione contro il territorio sovrano dell'Armenia". L'Otsc citato da Yerevan è una alleanza militare creata nel 1992 e di cui fanno parte Armenia, Russia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan.

LEGGI ANCHE - Le forze russe si ritirano in alcune zone dell'Ucraina orientale