Tensioni a Roma per la protesta dei lavoratori

·2 minuto per la lettura
Montecitorio
Montecitorio

La protesta dei lavoratori di venerdì 21 maggio in piazza Montecitorio, a Roma, ha provocato disordini, tensioni e scontri.

Protesta dei lavoratori a Roma: sit-in indetto dal S.I. Cobas

Il sit-in che ha portato agli scontri era stato indetto dal Sindacato Intercategoriale Cobas (S.I. Cobas). L’obiettivo della protesta era la discussione della vertenza del Movimento 7 Novembre. La tensione è scaturita quando i manifestanti hanno scoperto che non avrebbero ottenuto l’incontro che era stato loro promesso con Andrea Orlando, ministro del lavoro e delle politiche sociali.

Protesta dei lavoratori a Roma: tensioni in piazza Colonna

Un gruppo di circa cinquanta lavoratori del trasporto merci Fedex e Tnt si è allontanato dal sit-in autorizzato e ha raggiunto piazza Colonna, dove si sono verificati momenti di tensione e tafferugli con la polizia e con i carabinieri. Le cariche sono avvenute proprio davanti alla Galleria Borghese.

La situazioni si è tranquillizata dopo circa 30 minuti e al gruppo è stato permesso di terminare il sit-in autorizzato in piazza Montecitorio.

Protesta dei lavoratori a Roma: un ferito e un contuso tra i carabinieri

I carabinieri contano un ferito e un contuso a causa degli scontri. Nessuno dei due si trova in gravi condizioni. La Digos e l’Arma condurranno delle indagini per accertare le responsabilità degli scontri. Alcuni tra i manifestanti che si sono riversati in piazza Colonna sarebbero già stati identificati.

Protesta dei lavoratori a Roma: manifestazione anche dei lavoratori della sanità

Anche una protesta dei lavoratori della sanità è prevista per venerdì 21 maggio, in occasione del Global Health Summit di Roma. La manifestazione è stata indetta con le seguenti motivazioni: “Per un nuovo concetto di salute, slegato dal profitto, che permetta a tutti e tutte di poter accedere all’assistenza sanitaria”, “per rilanciare le richieste di una sanità territoriale pubblica, gratuita, universale e umanizzata che prenda in carico i bisogni socio-sanitari delle persone e dei territori”, “per affermare il #noprofitonpandemic e denunciare il sistema delle multinazionali del farmaco che continua a lucrare sui brevetti vaccinali, sulle cure e sulla gestione della pandemia da Sars-Cov 2”, “per un piano di massicce assunzioni a tempo indeterminato, l’internalizzazione dei precari e l’azzeramento degli appalti nella sanità pubblica”.

Leggi anche: Roma, caduta improvvisa di un albero in via Tiburtina: padre e figlio in monopattino feriti

Leggi anche: Rapina alla gioielleria Grinzane Cavour, l’esito delle indagini: “Tutti colpi esplosi all’esterno”