Tensioni Usa-Iran, Conte preoccupato: polemica per la reazione di Salvini

Matteo Salvini

In seguito all’escalation in Medio Oriente dopo l’uccisione del generale Soleimani, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha espresso “forte preoccupazione”. Così, il leader della Lega Matteo Salvini ha colto l’occasione per attaccare la maggioranza, scatenando una nuova polemica.

"Da Conte”, hanno riferito fonti della Presidenza del Consiglio, “appello alla moderazione, al dialogo e al senso di responsabilità. In questa prospettiva l`Ue può giocare un ruolo fondamentale e offrire un contributo determinante".

VIDEO - La reazione alla morte di Soleimani

Il commento di Matteo Salvini è durissimo: "Conte preoccupato? No, Conte ignorato e assente, mentre in Libia l`Italia perde credibilità e terreno a vantaggio di Francia e Turchia, un potenziale disastro per il nostro Paese, dal punto di vista dell`economia, dell`energia, della sicurezza e dell`immigrazione".

VIDEO - Salvini fa il verso al Papa

A scatenare la polemica sulle parole di Salvini è Loredana De Petris, senatrice di LeU e presidente del gruppo misto: "La sconsiderata azione americana a Baghdad e la decisione di Erdogan di inviare truppe in Libia stanno creando una situazione di massimo pericolo in una zona del mondo che ci riguarda in tutti i sensi da vicino. In una situazione così minacciosa e delicata solo un irresponsabile totale poteva usare toni come quelli adoperati da Matteo Salvini".

LEGGI ANCHE - Soleimani ucciso, l'escalation preoccupa anche l'Italia. Le parole di Trump

"L'Italia, al contrario di quel che vagheggia il leader leghista, deve agire in strettissima sintonia con l'Europa e adoperarsi con tutti i mezzi perché la situazione non degeneri in un conflitto sanguinoso. Sin qui la Ue non è stata in grado di fare la parte che le sarebbe spettata in Libia. Ora deve muoversi compatta per evitare il peggio sia in Iran e Iraq che in Libia. L'Italia, anche in virtù dei rapporti che ha saputo costruire con l'Iran, può svolgere un'azione molto importante in questo senso".