Tenta suicidio in carcere ad Ivrea, detenuto salvato in extremis

Red/Gtu

Roma, 19 ott. (askanews) - E' stato salvato in extremis un detenuto italiano che ha tentato il suicidio nel carcere di Ivrea. Lo denuncia Leo Beneduci, il segretario l'Osapp, l'Organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria, che sottolinea: "La polizia penitenziaria fa sempre il proprio dovere l'amministrazione penitenziaria no. Continuate a chiamarci torturatori".

L'episodio, reso noto oggi, risale a domenica scorsa 13 ottobre: un detenuto italiano di origini sud africane, trentacinquenne, in carcere per omicidio, condannato all'ergastolo, mentre si trovava nel reparto osservazione del carcere di Ivrea, alle ore 14 circa ha tentato il suicidio impiccandosi con una maglia annodata alle grate della propria cella. E' stato salvato in extremis dall'immediato e tempestivo intervento della polizia penitenziaria in quel momento in servizio. (Segue)