Tentano di attraversare il lago di Como con una ciambella a unicorno, salvati due turisti francesi

Un canotto gonfiabile a forma di unicorno (foto d’archivio Getty Images)

Le parole chiave della notizia che stiamo per raccontarvi sono piuttosto fantasiose, lo anticipiamo. Infatti i termini ‘unicorno’, ‘lago’, ‘vigili’ e ‘Francia’ hanno ben poco in comune, salvo che per uno strano evento occorso nei giorni scorsi nel nord dell’Italia.

Due giovani turisti provenienti dalla Francia, in vacanza sul Lago di Como, hanno deciso di lasciare la noia sul comodino tentando un’impresa folle e, probabilmente, fondata sul tasso alcolico. I giovani, in maniera piuttosto imprudente e del tutto non calcolata, hanno deciso che avrebbero fatto la traversata di un ramo del lago, partendo dalla ridente Bellagio in direzione Varenna, altro luogo incantevole sulle rive del Lario.

Ebbene, invece di usare dei mezzi consoni alla traversata, vale a dire una barca a vela o a motore, i due hanno deciso di affrontare il viaggio usando un canotto gonfiabile a forma di unicorno.

Già.

Ovviamente il risultato è stato fallimentare. La traversata si è trasformata in un grido d’aiuto, quando i due hanno scoperto di non avere abbastanza forza per trascinarsi verso Varenna. A soccorrerli sono stati i pazientissimi vigili del fuoco operativi nella zona lacustre, con una vedetta che li ha riportati sani e salvi a riva, proprio alla loro meta di Varenna. Dopo un breve controllo sul loro stato di salute, da parte della Croce Rossa, i due hanno ricevuto il via libera, ricevendo anche un passaggio verso Bellagio, luogo di partenza.

Non è ancora chiaro se i due francesi riceveranno la parcella per questo salvataggio: è vero che i due erano in pericolo di vita, causa annegamento, ma è pur sempre altrettanto vero che potevano benissimo evitare di compiere questa impossibile impresa. I vigili del fuoco sono spesso chiamati all’intervento per situazioni in realtà ben poco d’emergenza, e in questo caso si è nel limbo.

La morale? Gli unicorni non sono adatti per la navigazione…

Leggi anche: