Teologi: è morto Franz Jalics, noto autori di libri spirituali

·1 minuto per la lettura
Teologi: è morto Franz Jalics, noto autori di libri spirituali
Teologi: è morto Franz Jalics, noto autori di libri spirituali

Budapest, 13 feb. – (Adnkronos) – Il teologo ungherese Franz Jalics, sacerdote gesuita noto come scrittore di libri spirituali, autore di manuali in cui insegna ai cristiani a diventare un "contemplativo nella vita quotidiana", è morto oggi in una casa di riposo di Budapest all'età di 93 anni. Tra i suoi numerosi libri figurano: "Desiderio di Dio. Esercizi di contemplazione" (Ancora, 2000), "Impariamo a pregare. Una guida al dialogo con Dio" (Appunti di Viaggio 2000), "Preghiera silenziosa e accompagnamento spirituale. Radici evangeliche" (Appunti di Viaggio 2017), "Esercizi di contemplazione" (Ancora 2018).

Nato il 16 novembre 1927 a Budapest, fu spinto dal padre a intraprendere la carriera militare. Alla fine della seconda guerra mondiale tornò in Ungheria dopo essere stato profugo in Germania. Dopo aver preso la maturità entrò nella Compagnia di Gesù e due anni dopo fu costretto nuovamente a lasciare l'Ungheria comunista, trasferendosi in Germania e poi in Belgio. Nel 1956 venne mandato dai superiori in Cile, poi in Argentina, dove si laureò in teologie e nel 1959 venne ordinato sacerdote. Impegnato politicamente contro la dittatura militare argentina, Jalics nel maggio 1976 fu sequestrato da un gruppo paramilitare di estrema destra e tenuto prigioniero per cinque mesi.

Nel 1977 si trasferì negli Stati Uniti e l'anno dopo in Germania, dove cominciò un intenso ministero come predicatore di esercizi e scrittore di spiritualità. All'età di 80 anni era rientrato nella sua Ungheria.