Teramo, si uccide un anno dopo il suicidio della sorella campionessa

webinfo@adnkronos.com

Istigazione al suicidio. E' una delle ipotesi formulate dal sostituto procuratore di Teramo che ha aperto un fascicolo per la morte di Simona Viceconte, che si è suicidata ieri impiccandosi alla ringhiera delle scale fuori dalla porta del suo appartamento. La donna, 45anni madre di due figlie minorenni, è la sorella della campionessa di atletica Maura, suicida anche lei nello stesso modo un anno fa. Il magistrato ha disposto l'autopsia della salma che potrebbe essere eseguita domani. Sarebbe stato ritrovato un biglietto d'addio indirizzato alle due figlie. 

La sorella Maura si suicidò il 10 febbraio del 2019, impiccandosi anche lei a Torino. Era stata primatista italiana della maratona e aveva partecipato alle Olimpiadi di Sydney.