"Terapie intensive al collasso", ecco le regioni in crisi

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Ampiamente superata in Italia la soglia del 30% di posti letto di terapia intensiva occupati da pazienti Covid-19, definita "critica" dal ministero della Salute nell'emergenza coronavirus. La media italiana è infatti salita rapidamente negli ultimi giorni attestandosi al 37%, ma è allarme rosso in 11 regioni e nelle 2 Province autonome del Trentino Alto Adige, che l'hanno ampiamente superata. In cima alla 'lista nera' l'Umbria che ha toccato ormai il 57% di saturazione dei suoi posti letto di intensiva, seguita da Piemonte (56%), Provincia autonoma di Bolzano e Lombardia al 54%. E' quanto emerge dai dati, aggiornati alle 20.16 di ieri 10 novembre, elaborati dall'Agenas, l'Agenzia nazionale per i Servizi sanitari regionali.

A seguire, sempre oltre la soglia critica, Valle d'Aosta (50%), Toscana (47%), Marche (46%), Liguria (44%), Provincia autonoma di Trento (42%), Emilia Romagna (38%), Campania (33%), mentre si posizionano proprio sul 30% Sardegna e Puglia.

Covid, allarme medici e infermieri: "Ospedali vicini al collasso"