Termometro politico: italiani disinteressati a congresso M5S

Cro

Roma, 19 giu. (askanews) - Un italiano su due considera gli Stati Generali sull'economia in corso a Villa Pamphili uno spreco di tempo e una passerella mediatica inutile. Il 26,3% li ritiene invece un'iniziativa giusta e utile per il Paese mentre il 21,3% dubita che questo confronto di idee possa alla fine produrre effetti concreti. Sono questi alcuni dei dati emersi dal sondaggio settimanale realizzato da Termometro Politico tra il 17 e il 18 giugno 2020.

Uno dei temi centrali di questa settimana stata la richiesta dell'ex parlamentare grillino Alessandro Di Battista di convocare un Congresso per eleggere un nuovo leader e rivedere il programma del M5S. Sulla questione, quasi 6 italiani su 10 mostrano disinteresse. Tra gli interessati, il 22,9% ritiene necessaria un'assemblea il prima possibile mentre per il 17,3% sarebbe meglio rimandarla a tempi migliori.

Termometro Politico ha chiesto agli italiani se secondo loro il razzismo presente nel nostro Paese. Il 53,6% risponde di no. Tra questi, il 34,9% ritiene che ci sia in realt una sorta di discriminazione verso gli italiani mentre per il 18,7% di razzismo ce n' molto poco, pi a livello di parole che di discriminazioni concrete. Il 32,9%, invece, crede che in Italia il razzismo sia cos diffuso e pervasivo che molti non se ne accorgono. Infine, il 13% afferma che in Italia il razzismo c' ma meno che in altri Paesi come gli Usa.

Come ogni settimana, Termometro Politico ha chiesto agli italiani se sarebbero d'accordo nell'uscire dall'euro e dall'Ue. Torna a calare la percentuale di persone che non vuole uscire n dall'euro n dall'Ue (48,5%) mentre aumenta di un punto al 9,6% il numero di persone che vogliono uscire solo dall'euro.

Rimane praticamente stabile e maggioritaria la percentuale di persone che non ha fiducia nel premier Conte (57,9%) mentre la percentuale di chi ha fiducia al 41,5%.

Infine, le intenzioni di voto di Termometro Politico registrano una crescita della Lega che torna a sfiorare il 29%. Il Pd cala al 20,3% mentre il Movimento 5 Stelle sorpassa Fratelli d'Italia (15% contro 14,7%). Forza Italia flette al 5,6% mentre Italia Viva sale al 3,3%. Azione rimane stabile al 2,9%, La Sinistra sondata al 2,3% mentre +Europa e Verdi si equivalgono (1,5%). Il Partito Comunista all'1%. Gli altri partiti tutti insieme sono dati al 3,1%.